Vacanze alle porte! Finalmente l’occasione giusta per visitare le 10 località di mare più belle della Campania, punti di balneazione e cultura, per un’estate indimenticabile.

Un viaggio alla riscoperta della terra più amata, dalle isole più belle d’Italia a piccoli e particolari borghi. Tradizioni gastronomiche e artistiche servite insieme con il mare più bello, per un “piatto salato”, tutto da gustare per il vostro palato.

Siamo giunti, ormai, al mese di giugno e c’è chi sente già l’estate vicina; la mente si perde sempre più spesso, alla ricerca del meritato riposo. C’è chi preferisce visitare metropoli internazionali e chi desidera, invece, calma e tranquillità in un piccolo posto, lontano da oneri e responsabilità; la Campania, per questo, offre una top list, presentando ai suoi turisti una serie di località dove poter trascorrere la propria estate.

• Pioppi

È un paesino in provincia di Salerno di pochi abitanti, ma di una bellezza spettacolare. Oltre che punto di balneazione, Pioppi si riconosce anche come luogo di arte: vi è, ad esempio, un antico palazzo, costruito nel XVIII secolo dalla famiglia Ripoli, proveniente dalla Spagna, che prende il nome di “Castello Vinciprova”; vi è poi la Chiesa, dedicata alla Madonna del Carmine, costruita nel’600.

• Agropoli

La zona costiera visitabile di Agropoli (provincia di Salerno) si estende per una lunghezza di 3 km e comprende lo scoglio Trentova, famoso per la caratteristica panoramica che lo vede legato alla terraferma da una sottile lingua di terra percorribile a piedi. Caratteristica di Agropoli è il castello, patrimonio inestimabile, grande vanto per i cittadini, che, con la sua pianta triangolare e 3 torri circolari si erge sul promontorio.

• Acciaroli

Piccola cittadina campana, sita sulla costa tirrenica (costiera cilentana); Acciaroli conserva una chiesa del XII dedicata alla Santissima Annunziata e una torre di avvistamento normanna. La sua, però, è una ricchezza tutta naturale, che offre panorami mozzafiato e un’acqua splendida.

• Amalfi

Località ricca di meraviglie in provincia di Salerno, il cui monumento più celebre è il Duomo, in stile arabo-siciliano, dedicato a Sant’Andrea, attuale patrono della città; questa costruzione si presenta come un agglomerato di diverse sovrapposizioni e affiancamenti di antiche chiese precostruite. Ogni anno il 27 giugno si festeggia il Patrono con una bellissima processione che attraversa il paese concludendosi con una sfrenata corsa, lungo le scale del duomo, per far giungere la statua di Sant’Andrea nuovamente in chiesa. Amalfi, inoltre, è famosa per la sua regata delle antiche repubbliche marinare, che si tiene ogni 4 anni: una gara su galeoni che rievoca le imprese di Amalfi, Genova, Pisa e Venezia, preceduta da un corteo storico.

• Sorrento

Particolare località in provincia di Napoli. Nel centro storico si trovano il Duomo, con facciata neogotica, e la Chiesa di San Francesco d’Assisi. Nel museo sono esposte collezioni di reperti greci e romani, porcellane di Capodimonte e pitture del XVII-XIX secolo; dal parco si gode inoltre una magnifica vista sul golfo. Presso la Punta del Capo, a ovest, si trovano resti romani.

• Isola di Capri

A vedersi rappresenta una delle isole più particolari della penisola, in quanto la sua composizione di grotte e cale si alterna a lunghe e ripide scogliere: la più famosa tra le grotte è sicuramente la Grotta Azzurra, per i suoi magici effetti luminosi cantati da numerosi poeti. Altra caratteristica dell’isola sono i Faraglioni, tre piccole isole rocciose chiamate rispettivamente “Stella, Faraglione di Mezzo e Faraglione di Fuori”: Su uno dei tre faraglioni vive la lucertola azzurra, specie animale rarissima.

• Positano

Bellissima località campana, in provincia di Salerno, appartenente geograficamente alla Costiera Amalfitana; in età medievale ha visto la costruzione di numerose torri saracene, delle quali la prima si trova al di fuori dell’omonimo comune, in località Punta Campanella, dove termina la Costiera Amalfitana e ricomincia la Sorrentina. Sicuramente bella da vivere nel periodo del 15 agosto, ricorrenza cara ai cittadini che festeggiano la costruzione della Chiesa dedicata a Maria Assunta (una delle chiese più belle d’Italia, costruita nei pressi di un albero di “mortella”).

• Ascea

Località marittima in provincia di Salerno, che insieme al mare offre il cosiddetto “museo del paradosso”, ospitato dal Palazzo Alario, che nasce con l’intento di raccogliere le opere dei minorenni che rispecchino il tema del paradosso. La sua storia risale alla Magna Grecia dei Focei, arrivati dalla Ionia, in fuga dalla dominazione persiana.

• Isola di Procida

Le sue coste basse e sabbiose danno vita a diverse baie e promontori; fu fondata, secondo alcuni, dagli abitanti di Paestum (il suo nome probabilmente deriva da “Pestano o Pesitano”); secondo altri nata grazie ai Liberti Posidii, in età Claudia. Nella tradizione culinaria fanno capo prodotti di mare e di terra: il limone procidano vanta la caratteristica di essere poco acre e molto grande, utilizzato nella particolare insalata di limoni (limoni a tocchetti, aglio, olio e peperoncino). Straordinaria la pasta “pescatora povera”, accompagnata da peperoncini verdi fritti e alici.

• Isola d’Ischia

La sua particolare formazione e ubicazione favoriscono la presenza di un clima mite anche nei periodi invernali; rinomate sono le acque termali dell’isola, sfruttate anche in antichità (la sua natura vulcanica la rende uno dei maggiori centri termali d’Europa). Le sue acque sono alcaline, adatte a curare determinate patologie, e insieme al clima e alla vegetazione offrono un “excursus benefico e di rigenerazione”. Conosciutissima anche la pratica della viticultura, che vanta origini millenarie: le colture dell’isola si estendono dalle coste fin sugli irti pendii con terrazzamenti.

Insomma la Campania lascia sempre tutti a bocca aperta. Per questo, cari turisti, vi aspettiamo numerosi per delle vacanze all’insegna del divertimento e della cultura.

Ho 20 anni e vorrei inserirmi nel mondo del giornalismo (mia grande passione scoperta grazie ad uno stage). Ho frequentato il liceo classico e ora sono iscritta alla facoltà di lettere classiche della Federico II di Napoli.

Un pensiero riguardo “Campania: le migliori località di mare.

Commenta