Grande iniziativa di successo quella del Carnevale Princeps Irpino, che ha coinvolto diversi comuni della provincia avellinese

In Irpinia il Carnevale è una tradizione di vecchia data che ancora respira, si muove, e scalcia nell’animo di ogni “lupo”, rinascendo nei giorni tra febbraio e marzo. In Irpinia, quest’anno, il Carnevale non è solo una festa da svolgersi di comune in comune, le varie manifestazioni si sono riunite sotto un’unica bandiera, quella del Carnevale Princeps Irpino, che porterà oltre 400 maschere tipiche dei carnevali avellinesi, in giro per l’Italia

Sono il Carnevale di Montemarano, il Carnevale Castelveterese, la Zeza di Mercogliano, la Mascherata di Serino, la Zeza di Capriglia Irpina e ‘O ballo ‘ndreccio di Forino, i carnevali protagonisti che nel mese di febbraio mostreranno al paese, colori e tradizioni della ridente e lucente irpinia.

Tra le tappe già effettuate: Perugia, Roma (per il progetto “La Tarantella del Carnevale” del grande musicista ed etnomusicologo italiano Ambrogio Sparagna), Forino, Montemarano, dove si è presentato il Museo del Carnevale Irpino, realtà itinerante, ospitata nel 2017 dal comune di Marigliano.

Sabato 18 Febbraio, la carovana dei carnevali uniti, si sposterà a Serino per l’iniziativa “Carnevale Princeps Irpino per i bambini, che vedrà protagonisti i più piccoli. Ultima tappa il 19 Febbraio a Castelvetere Irpino, dove si raduneranno tutti i gruppi carnevaleschi aderenti l’iniziativa.

Ha dichiarato Roberto D’Agnese, ideatore dell’associazione Princeps, e direttore artistico della manifestazione:

Portare in giro per l’Italia e in Irpinia il carnevale Princeps è un modo per far conoscere la nostra cultura e averne un riscontro turistico. Il Carnevale Princeps, dei carnevali irpini uniti, è l’espressione di tanti carnevali irpini ed è un cartellone di eventi che si svolge prima della data tradizionale di carnevale.  Eventi, dunque, che servono a mantenere viva l’attenzione sul carnevale, per crearne un turismo legato.

Uno stimolo unico, una serie di risultati di successo, quelli ottenuti fino a questo momento dall’iniziativa capitanata da Roberto D’Agnese e che prende il nome di Carnevale Princeps. L’obiettivo finale, come ha dichiarato lo stesso D’Agnese, è quello di creare un circuito virtuoso e culturale intorno al tema del carnevale che permetta di trasformare la festività, non solo in un momento ironico e carnevalesco, ma anche redditizio e turistico per un territorio tanto bello quanto, spesso, ignorato come l’Irpinia.

Un obiettivo che non sembra lontano, data la forte visibilità e i riscontri positivi ottenuti dall’iniziativa.
C’è ancora tempo dunque per vivere questo clima di festa che ci prepara al vero Carnevale. La presenza ai prossimi appuntamenti di Serino e Castelvetere è d’obbligo.

Sergio Mario Ottaiano, classe ’93, Dottore in Lettere Moderne alla Facoltà di Lettere e Filosofia Federico II di Napoli. Musicista, giornalista, scrittore, Social Media Manager, Digital PR e Copywriter. Presidente del giornale Terre di Campania. Collabora per Music Coast To Coast, Fumettologica, BeQuietNight e MusicRaiser. Ha pubblicato svariati racconti e poesie in diverse antologie; pubblica con Genesi Editrice il romanzo dal titolo “Un’Ucronìa” Il 1/4/2014; pubblica con Rudis Edizione il saggio dal titolo “Che lingua parla il comics?” il 23/1/17.

Un pensiero riguardo “Il Carnevale Princeps unisce l’Irpinia e conquista la regione

Commenta