Viaggiando tra i castelli irpini, rubrica sull’approfondimento delle rocche della provincia di Avellino

Il Castello di Montefalcione, un castello interamente integrato nell’abitato del comune di Montefalcione. Un maniero completamente moderno che occupa, comunque, il suo posto tra le oltre 70 rocche, fortezze e i castelli di epoca longobarda, normanna o risalenti ad altri periodi presenti sul territorio avellinese, in cui ci muoviamo con la volontà di diffondere il patrimonio storico della verde provincia campana. Continuate a seguire la rubrica per conoscere storie e leggende, di paesaggi e misteri, che caratterizzano un’incantevole provincia.

Questa rubrica è realizzata in collaborazione con la pagina facebook del Museo Dei Castelli di Casalbore.

Quando si parla del “Castello”, gli abitanti di Montefalcione si riferiscono alla parte alta del centro storico, che comprende Via Roma, Piazza Guglielmo Marconi, Via S. Antonio Abate e Via C. dell’Olio. In tale area, sorgeva, appunto, il Castello di Montefalcione, la cui edificazione viene da alcuni attribuita ai Longobardi e da altri ai Normanni.
Ad ogni modo, dell’originaria struttura difensiva, ristrutturata dagli Aragonesi e circondata dal borgo medioevale, oltre alla denominazione del sito, rimane anche una torre (XIII secolo), inglobata nell’edificio gentilizio in cui venne trasformato il castello, diventando una residenza privata.

L’articolo continua su silo del Museo Dei Castelli

Terre di Campania è un progetto in continua evoluzione che si occupa di promuovere il buono e il bello della regione Campania attraverso la conoscenza e la diffusione di bellezze paesaggistiche e artistiche, di bontà culinarie, della cultura, di news, di eventi e azioni mirate sul territorio.

Commenta