Le più importanti piazze di Napoli, una guida per chi ha voglia di vederle tutte.

Parlare delle piazze di Napoli è cosa meno semplice di quanto si pensi. Gli sviluppi urbanistici di una città tanto stratificata sono stati spesso radicali e ne hanno mutato profondamente il volto: alcune strade e chiese sono state cancellate per sempre e, sulle loro ceneri, ne sono sorte di nuove; ma una cosa, che non è mutata mai, è il carattere di quel popolo partenopeo, che ha sempre trovato negli spazi più aperti il luogo più adeguato, per esprimere la propria facies culturale.

Vediamo, pertanto, quali piazze meglio rappresentano un’importante testimonianza della storia cittadina.

Piazza del Plebiscito
Fu per secoli il principale luogo d’incontro dei Napoletani, durante le feste cittadine e aveva un contorno simmetricamente non ben definito. Dal XVII secolo, ospita il Palazzo Reale e, soltanto a partire dall’800, ha cambiato radicalmente il proprio volto, assumendo la forma di un’esedra e accogliendo la Basilica di San Francesco di Paola, con il suo ampio colonnato.

Piazza del Municipio
La piazza, un tempo nota com Largo del Castello, è oggi una delle più grandi d’Europa e sede del potere cittadino. Ospita importanti strutture urbane, come il Palazzo San Giacomo, il Maschio Angioino e una stazione della metropolitana, durante la cui realizzazione, sono stati riportati alla luce importantissimi reperti storici.

Piazza Giuseppe Garibaldi
La piazza deve la propria notorietà soprattutto alla presenza della stazione centrale, da cui partono numerosi autobus, le due linee della metropolitana e una rete tranviaria. Negli ultimi decenni, ne è stata modificata profondamente la struttura, grazie ad alcuni lavori, in via di ultimazione.

Piazza dei Martiri
Piazza dei Martiri ha forma triangolare ed è circondata da storici palazzi, al centro dei quali svetta un’imponente colonna sorretta da quattro leoni e dedicata ai Napoletani, caduti in onore della libertà.

Piazza Mercato

Leggi anche:

Carmine Maggiore e Sant’Eligio Maggiore: due Chiese, tante curiosità.

Piazza San Domenico Maggiore
La piazza fu edificata per volere di Alfonso I d’Aragona ed è stata,per secoli,oggetto di credenze occulte, per la vicinanza della Cappella Sansevero. Ospita un’omonima basilica e un obelisco, voluto dai Napoletani, per ringraziare San Domenico, che aveva scongiurato la pestilenza del 1656.

Michele De Rosa è un giovane studente napoletano, attualmente iscritto al secondo anno della facoltà di lettere classiche, presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Nel tempo libero, ama dedicarsi alla lettura di libri inerenti la storia, la cultura e le leggende della città di Napoli, per la quale nutre un amore senza confini

Commenta