Inizia il conto alla rovescia per la 42° edizione della Sagra della Maccaronara di Castelvetere sul Calore. Abbiamo intervistato Rita Giuliani per l’occasione.

Ultimi giorni di attesa per l’inizio della quarantaduesima edizione della Sagra della Maccaronara di Castelvetere sul Calore, in provincia di Avellino, in programma lunedì 12 e martedì 13 agosto. Noi di Terre di Campania abbiamo intervistato Rita Giuliani, presidente della Pro Loco di Castelvetere sul Calore.

  • Torna la Sagra della Maccaronara di Castelvetere sul Calore, quali le novità per la quarantaduesima edizione?

La nostra tradizionale Sagra della Maccaronara, in questa edizione, sarà caratterizzata dal prosieguo della sua formula consolidata che tanto successo ha avuto finora. Tale formula è stata sposta anche dal nuovo Direttivo della Pro Loco di Castelvetere sul Calore, recentemente cambiato, ma animato dalla volontà di continuare crescere pur rimanendo nel solco della tradizione.

  • Perché la Maccaronara è la tradizione agro-alimentare identificativa del territorio?

La Maccaronara è di sicuro il prodotto eno-gastronomico più conosciuto di tutto il territorio ed è connotata, soprattutto, per la per la sua semplicità e la per la sua particolare lavorazione che rappresenta davvero una unicità per Castelvetere sul Calore.

  • Come si prepara la Maccaronara?

Viene preparata come tramandato dalle nostre nonne: fatta al momento, usando ingredienti semplici, solo acqua e farina, e lavorando l’impasto a mano utilizzando un tradizionale pezzo di legno intagliato.

  • Nel ricco panorama degli eventi estivi in provincia di Avellino, cosa rende speciale la Sagra della Maccaronara di Castelvetere sul Calore?

Il legame e l’amore per la nostra terra, per le nostre origini contadine, che non la nostra cordialità e semplicità riusciamo a trasmettere ai visitatori che giungono per l’evento nella nostra terra.

  • La Pro Loco è sempre attiva nella promozione del territorio, quali le altre iniziative messe in campo?

Le iniziative sono tante, stiamo elaborando progetti specifici per poter far conoscere i nostri prodotti e con essi il nostro territorio e tutte le risorse preziose che lo caratterizzano.

 

Commenta