Cibi sani, sapori genuini e prodotti nostrani garantiscono salute, energia e buona linea, ecco la dieta mediterranea, perché farne a meno?

Che cos’è la dieta mediterranea e perché fa bene? Nel 2010 questo particolare tipo di dieta è stato dichiarato dall’UNESCO patrimonio culturale immateriale dell’Umanità: fa bene all’organismo, mantiene in buona salute, preserva un’ottima linea e sa regalare sapori irripetibili. A cosa rinunciare per ottenere questo risultato? A niente! La dieta mediterranea non è altro che combinazione di alimenti secondo alcune norme consigliate.

Il bacino del Mediterraneo nel quale si affacciano la nostra Italia, la Grecia, la Spagna, la Croazia ecc è ricco di tutto il fabbisogno necessario per potere seguire correttamente questa dieta mediterranea: pesce azzurro, olivi, viti, allevamenti bovini e ovini, pollame pregiato, cereali, tutto ciò di cui noi non possiamo fare a meno. Tra tutti questi cibi ce n’è qualcuno più importante? No, nessun alimento primeggia sugli altri, ma esiste una piramide alimentare che prevede l’assunzione di determinati cibi più frequentemente durante la settimana, piuttosto che altri. Sono le sostanze nutritive che troviamo in questi alimenti che determinano l’ordine piramidale:

  1. Cereali integrali conditi con grassi vegetali (olio – preferibilmente extravergine – d’oliva): contengono la stessa quantità di carboidrati dei cereali raffinati, ma sono più leggeri, garantiscono il mantenimento del peso, sono ricchi di fibre ed iPiramide alimentarencludono anche proteine, vitamine e minerali.
  2. Frutta da mangiare almeno due volte al giorno e verdura in abbondanza. È consigliabile mangiare la frutta lontano dai pasti, è la miglior dispensatrice di vitamine. Tra la verdura, principale fonte di fibre e proteine, cotta o cruda che sia, è preferibile quella dalle foglie verdi, in particolar modo i broccoli.
  3. Legumi uniti ai cereali sono
    ricchi di vitamine, proteine e carboidrati.
  4. Pesce, preferibilmente azzurro perché contiene grassi buoni ed è pieno di fosforo, proteine e calcio. Uova, ottima fonte di proteine, ma attenzione al tuorlo: favorisce il colesterolo. Carne bianca, da preferirsi alla rossa perché meno grassa e si ricordi che il tacchino, oltre alle varie proteine, fornisce anche ferro.
  5. Latte e derivati vanno consumati una o due volte al giorno, tra tutti è preferibile lo yogurt magro perché ricco di calcio e povero di grassi.
  6. Carne rossa, cereali raffinati, dolci e anche patate è meglio mangiarli con moderazione: danno tanta energia, ma sono molto calorici.

Un buon bicchiere di vino può contribuire a questa dieta, ma ovviamente è l’acqua ad avere un posto di prim’ordine perché garantisce idratazione e diluisce gli zuccheri nel sangue. Come si è visto nella dieta mediterranea non bisogna rinunciare a niente, “est modus in rebus” è la formula giusta anche per l’alimentazione: mangiare bene vuol dire non accumulare calorie, garantire una buona salute, rimanere in linea e godersi i sapori genuini della nostra terra, gli oli pregiati, gli ottimi vini, i semplicissimi ma sempre saporiti spaghetti al sugo, ma anche una fetta di crostata di frutta della nonna, quella buona, fatta in casa senza additivi e conservanti, che scotta ancora tra le mani e non passa mai di moda.

Giovanissima studentessa di Lettere Classiche dell’Università Federico II di Napoli, è appassionata di scrittura e danza classica. Diciannovenne, vive a Marigliano e crede nelle potenzialità che la sua terra ha da offrire.

Commenta