Via Toledo o via Roma? Dubbio napoletano la cui storia affonda le radici nel 1536, fa tappa nel 1870 e si conclude nel 1980


Via Roma o via Toledo? È una domanda che, almeno una volta nella vita, ciascun napoletano si è posto.

La toponomastica napoletana, come per tutte le grandi capitali, ha subito numerose trasformazioni nel corso del tempo.

Quella di Toledo o via Roma non è l’unico caso in cui ci siano due nomi ad identificare lo stesso luogo, si pensi a Piazza Borsa/Piazza Bovio.

L’attuale via Toledo è una strada che si snoda per 1.2 km tra piazza Dante e piazza del Plebiscito, situata dunque nel quartiere San Ferdinando.

Per giungere alle origini di questo dilemma tutto partenopeo, bisogna risalire nel tempo fino all’anno 1536.

In quest’anno il viceré don Pedro Alvarez de Toledo commissionò la costruzione della strada ai due architetti regi Giovanni Benincasa e Ferdinando Manlio.

Si trattava di una strada periferica, all’esterno delle mura cittadine la cui costruzione fu dovuta a tre motivi principali: ricoprire la fogna a cielo aperto, il “Chiavicone”, che da Montesanto incanalava verso il mare le acque di scarico provenienti dalla collina vomerese, creare una via di collegamento tra Largo del Mercatello (piazza Dante) e il quartiere Chiaia e fornire alle truppe iberiche una strada che permettesse di raggiungere il Foro Regio (piazza del Plebiscito), dove sarebbe sorto dopo poco il palazzo vicereale.

Dopo tre secoli circa, nel 1870, con la conquista di Roma e la sua annessione al Regno d’Italia di cui ne divenne poi la capitale, il sindaco Paolo Emilio Imbriani propose di cambiare il nome di via Toledo in via Roma.

L’assemblea comunale risultò divisa così come l’opinione pubblica.
Alcuni sostenevano che, siccome il nome di via Toledo era frutto di un dominio straniero sulla città, quello spagnolo, cambiare nome significava riacquistare la dignità perduta.
Altri ritenevano che questo cambiamento equivalesse ad un tradimento delle proprie radici e poi, tuttavia, il viceré spagnolo aveva pur fatto cose utili per Napoli.

La decisione fu presa, la via si sarebbe chiamata “via Roma già via Toledo”.
Nonostante ciò, la cittadinanza continuò a chiamarla col vecchio nome, formando così un comitato pro “via Toledo”.
Questa presa di posizione non cambiò la decisione del consiglio comunale: il 18 ottobre 1870 la via diventò via Roma.

Dal 1980 via Roma, diventata tra le strade più importanti di Napoli, riprese il nome originale di via Toledo per volere della Giunta Valenzi.

Commenta