Il grande esordio di Tommaso Primo, cantautore partenopeo

Tommaso Primo chiama e Napoli intera risponde, tanto da riempire nuovamente lo spazio del Lanificio 25 dopo la più che riuscita serata di Calcutta nel suo tour Mainstream. Tommaso Primo presenta Fate, Sirene e Samurai, la sua ultima fatica discografica, un disco che, come dice lui:

racchiude 10 storie un po’ vecchie interpretate con amore

Al Lanificio 25 la folla era tanta e trepidante per l’inizio del concerto che non si è fatto attendere più di tanto: Tommaso con il suo modo di porsi, gentile e coinvolgente, ha subito preso possesso del palco regalandoci oltre un’ora e mezza di live. Un live di buon livello, ricco di sorprese e spunti interessanti, iniziato con Flavia e il Samurai e proseguito in maniera incalzante per tutta la serata.

La giovane promessa del cantautorato napoletano ha proseguito il live con una serie di brani provenienti dal suo ultimo disco Fate, Sirene e Samurai: dalla coinvolgente Viola, alla eccezionale Prayer for Kumbaya su cui è partito anche il selfie tradizione di Tommaso; da Metafisica a Caramella.

Un concerto partecipato, in cui il pubblico è stato protagonista dal primo all’ultimo minuto cantando, muovendosi a ritmo e godendo ogni istante della bravura del giovane artista e dei suoi musicisti.

Tra le varie sorprese della serata, i presenti, hanno avuto la fortuna di assistere ad una versione di Neapolitan Love Storie seseguita insieme al duo Fede’n’Marlen, voci di grande spessore che hanno arricchito un brano già di per sé vincente. Ad accompagnare Tommaso i musicisti che hanno contribuito a dare vita al progetto: il produttore artistico e arrangiatore Enzo Foniciello / Phonix (chitarre), Dario Di Pietro (chitarra), Pasquale Benincasa (percussioni, batteria), Luigi Castiello (basso), Giusi Arvonio (violino). E in più la partecipazione speciale e graditissima di Andrea Tartaglia e Peppe-Oh che hano contribuito ad infiammare la serata con il loro freestyle, creando in simbiosi con la voce di Tommaso un’atmosfera indimenticabile: divertente ed emozionante.

Il resto dell’articolo su Music Coast To Coast.

Commenta