8 marzo. Il principe Antonio De Curtis, in arte Totò dedicò uno dei suoi componimenti in dialetto alla donna

Antonio De Curtis, noto principalmente come Totò, fu un grandissimo attore comico – ma dalla caratura carismatica e drammatica estremamente marcata – napoletano. Star di moltissimi film di successo come Totò e le donne, I tre ladri, L’oro di Napoli e tanti altri, fu anche un grande poeta e uomo di cultura.

Dietro la maschera dell’irriverente macchietta napoletana, re della risata, dello sbeffeggiamento e dell’ironia, si celava – nemmeno troppo – un animo da poeta semplice ma coinvolgente.

Cuore, Donna Amalia, ‘A Livella, e la famosissima ‘A Livella, sono solo alcuni titoli scritti dall’abile mano di Totò, specchio della sua sensibilità, della sua voglia di far risaltare il proprio cuore napoletano.

La donna è una delle più belle poesie, dedicate all’essere femminile, composte proprio da Antonio de Curtis. Ve la proponiamo in occasione dell’8 marzo.

La donna

Chi l’ha criata è stato nu grand’ommo,
nun ‘o vvoglio sapè, chi è stato è stato;
è stato ‘o Pateterno? E quanno, e comme?
Ch’avite ditto? ‘0 fatto d’ ‘a custata?
Ma ‘a femmena è na cosa troppo bella,
nun ‘a puteva fà cu ‘a custatella!
Per carità, non dite fesserie!
Mo v’ ‘o ddich’io comm’ è stata criata:
è stato nu lavoro ‘e fantasia,
è stata na magnifica truvata,
e su questo non faccio discussione;
chi l’ha criata è gghiuto int’ ‘o pallone!

Commenta