Da videomaker a produttori di un film, i The Jacakl sono riusciti a raggiungere il successo al cinema? La risposta è ALIENANTE!

Il 9 novembre 2017 è andato in onda nelle sale cinematografiche italiane il primo film dei The Jackal: Addio fottuti musi verdi, una commedia fantascientifica e parodistica che vuol far sorridere e ci riesce. Il gruppo di videomaker napoletano conosciuto come i “The Jackal” si è spinto oltre il solito breve video tanto atteso dai fan su Youtube e Facebook; questi ragazzi si sono allontanati dal loro piccolo mondo per debuttare sul grande schermo, ma saranno stati all’altezza delle nostre aspettative? Il pubblico dei The Jackal è abituato a ridere con simpatiche vignette, video esilaranti, parodie e personaggi che ormai hanno costruito intorno a sé “un’aurea potentissima”. Eppure un film è un’altra storia.

Addio fottuti musi verdi è la storia di Ciro, un grafico pubblicitario che non riesce a trovare la propria strada e per questo è costretto a lavorare in una friggitoria e a vivere con il suo migliore amico, creatore di video neomelodici per matrimoni, e la sua migliore amica di cui è sempre stato innamorato. Per uno strano contest Ciro viene ingaggiato dagli alieni e gli viene dato un contratto come grafico all’interno dell’immensa navicella spaziale. Durante il suo lavoro impara a conoscere gli alieni, può finalmente godersi una vita normale e licenziarsi dalla friggitoria, ma l’idillio finisce quando scopre che il suo datore di lavoro ha puntato un cannone contro la Terra a causa di un debito in denaro. Insieme a Fabio e Matilda decide di salvare il suo pianeta e attacca la navicella con l’aiuto del pass di Gigi D’Alessio, alieno mandato a Napoli che è rimasto folgorato dalla bellezza della musica e della città. Lo scontro diretto con il suo capo termina con il pagamento del debito e la consequenziale salvezza della Terra. Addio fottuti musi verdi termina con la decisione di voler i propri sogni e di raggiungere i propri obiettivi anche a costo di allontanarsi troppo.

Chi è andato al cinema a guardare Addio fottuti musi verdi sapeva già di trovarsi dinanzi ad una commedia divertente, ma demenziale. La trama è semplice, le battute spontanee ed esilaranti, ma costruire un intero film come fosse un video di youtube non è facile. Sono entrati in scena tutti i successi dei The Jackal: i personaggi di Gomorra, la friggitoria “Deux Fritteurs”, Gigi D’Alessio amato ed odiato dal grande pubblico, la mamma di Ciro apprensiva e tipicamente napoletana, le caratteristiche peculiari di ogni componente del gruppo che ci hanno fatto ridere e ci hanno fatto riflettere su quanto sia importante affrontare con il sorriso questa realtà non sempre rosea. Il divertimento certo non è mancato, ma i The Jackal funzionano meglio come videomaker che come attori e registi. La semplicità del film è caduta nella banalità; le facce buffe, le battute pronte, gli atteggiamenti parodistici dei personaggi sono diventati un’idiozia: si può ridere per 90 minuti, ma è davvero troppo difficile realizzare una trama sulla risata.

Giovanissima studentessa di Lettere Classiche dell’Università Federico II di Napoli, è appassionata di scrittura e danza classica. Diciannovenne, vive a Marigliano e crede nelle potenzialità che la sua terra ha da offrire.

Commenta