Una mostra sul grande artista napoletano

Nella città partenopea e madre dell’artista ,il PAN, Palazzo delle Arti Napoli, ospita la mostra fotografica dedicata al musicista Pino Daniele, scomparso il 4 gennaio di quest’anno. La mostra è ad opera di Alessandro D’urso, amico intimo del chitarrista e della sua famiglia, che per anni ha immortalato Pino e i suoi affetti, le sue collaborazioni artistiche e i suoi strumenti dal 1990 al 2009.

Numerose foto di concerti, di momenti teneri con sua moglie Fabiola, i suoi amici, colorano le sale del Palazzo, che oltre ad essere tappezzate di foto, sono anche circondate dalla musica del “Nero a metà”, grazie anche ai video dello stesso Alessandro D’urso sull’uomo in blues. Il popolo napoletano apprezzerà sicuramente le foto e le sensazioni che esse sono capaci di dare, di creare un’intimità straordinaria tra l’artista e se stessi, come se si formasse una piccola sfera in cui si è imbottigliati per tutta la visita.

Al pubblico saranno finalmente visibili e non solo ascoltate tramite le belle canzoni che Pino ci ha donato, le collaborazioni artistiche con musicisti nazionali come Fiorella Mannoia, Francesco De Gregori e James Senese. Così come saranno conosciuti i concerti e i bei momenti che il “nostro” Pino ha vissuto con artisti dal calibro di Bob Dylan. “A morte è na buscia” sostiene Pino. Nonostante sia stato stroncato dalla sua morsa poco tempo fa, il suo pensiero a riguardo è tenero e ottimista. La morte non è infatti ingannabile, al contrario, è imprevedibile. Ma il ricordo della persona, della sua anima, non saranno persi se gli affetti continueranno a notare l’assenza della persona mancata, che si trasforma inevitabilmente in una presenza non visibile, ma più eterea.

Pensieri come questi possono essere conosciuti grazie ad “Addòve”, che rende la mostra una vera e propria opportunità la conoscenza più emotiva e più realistica non solo dell’artista Pino, ma dell’uomo Pino. L’affetto che gli artisti hanno provato per l’uomo in blues è palpabile dalle emozionanti foto, e si sente sulla pelle, rendendo il visitatore non più spettatore, ma parte integrante delle foto stesse. In sostanza, chiunque abbia davvero amato,apprezzato e seguito Pino non potrà perdersi “Addòve”, evento straordinario. Per cui, se vi trovate nei pressi di Via dei Mille, dove ha sede il PAN, approfittatene, che ne varrà la pena. La mostra è in corso in quanto aperta dal 16 ottobre 2015 e le foto, in bianco e nero e a colori, i video, saranno visibili al pubblico sino al 10 gennaio 2016, con il costo del biglietto d’ingresso di 6 euro.

2 pensieri riguardo “Addòve: 20 anni con Pino Daniele al Pan di Napoli

Commenta