Esce a maggio “Aspettanno ‘o tiempo”, il nuovo doppio live antologico di James Senese e Napoli Centrale. Lo scorso venerdì 25 maggio, il gigante della musica italiana ha presentato il nuovo disco al PAN, di fronte un pubblico di giornalisti e grandi estimatori dell’artista.

A due anni dal bellissimo “‘O Sanghe” (vincitore della targa Tenco nella sezione album in dialetto), l’instancabile James Senese pubblica il doppio CD live “Aspettanno ‘o tiempo”.

Il disco è stato registrato durante il tour invernale del 2017. Tra i più grandi successi del musicista, spiccano anche due inediti: lo strumentale “Route 66” e “LL’AMERICA”, quest’ultimo scritto da Edoardo Bennato per James. A proposito del secondo singolo, durante la presentazione James ci ha dichiarato che: “LL’ AMERICA mia è Napoli.”

A 73 anni compiuti, uno dei mostri sacri della musica detta ancora le linee guida per tutti quegli artisti che vogliono fare della coerenza e del bisogno espressivo i propri punti di riferimento musicali. Come lo stesso James ha ribadito venerdì, ciò che più conta per lui è la congruenza di pensieri e azioni: non ha mai tradito ciò in cui crede per accrescere il proprio guadagno.

Leggi anche l’intervista a James Senese.

A proposito delle tracce, James sostiene di voler arrivare non solo al cuore dei napoletani ma di “tutti i cittadini del mondo”. Una musica dunque che si propone di unire e di “raccontare l’inesprimibile”, al di là di qualunque confine.

Originario di una provincia partenopea, Miano, e figlio di un soldato afroamericano, James racconta di aver dovuto superare grandi difficoltà durante l’infanzia e l’adolescenza. Discriminato ed emarginato per il colore della sua pelle in una società distrutta dalla guerra, James condensa tutte le sue angosce nello strumento che lo ha reso noto: il sassofono. Nei cinquanta anni di carriera, James è stato molto spesso affiancato da una band eccezionale, i Napoli Centrale: Ernesto Vitolo alle tastiere, Gigi de Rienzo al basso e Agostino Marangolo alla batteria. Si tratta della medesima band che rese capolavoro un disco come “Nero a metà” di Pino Daniele.

Nel doppio disco James ha inserito anche la storia “Chi tene ‘o mare” proprio del grande Pino.

La scelta di fare un brano di Pino è stata molto dura. Non è facile interpretare la canzone di un amico ed è ancor di più difficile farla arrivare al cuore degli altri come faceva lui.

Alla presentazione, presenti anche altri due amici storici sia di James sia del grande Pino: Enzo Avitabile ed Enzo Gragnaniello. I due, entusiasti durante i festeggiamenti della carriera di James, ricordano con affetto aneddoto di un’infanzia trascorsa tutti insieme, all’insegna di una sincera amicizia e del reciproco sostegno. Riguardo al disco, entrambi si dimostrano stupiti del talento di James che continua a produrre pezzi inestimabili. “Un disco meraviglioso, inutile dirlo. C’è dentro la sua anima”.

La presentazione del disco si conclude con l’invito a partecipare al “Noisy Naples Fest” l’11 giugno all’Arena Flegrea, dove James si esibirà con Enzo Avitabile e Luché, il rapper emergente della scena napoletana.

Commenta