Music Coast To Coast ha recensito l’album d’esordio di Blindur, che porta lo stesso nome della band. Un inizio atteso e per niente deludente

Esce per La Tempesta Dischi l’omonimo disco d’esordio deiBlindur, ossia: Massimo De Vita (cantautore, polistrumentista e produttore) e Michelangelo Bencivenga (polistrumentista).

L’album pubblicato il 13 gennaio 2017, è stato registrato in presa diretta con la collaborazione di Birgir Birgisson, storico fonico e produttore di Sigur Ros, e non solo…

Il duo campano ha tante frecce nella propria faretra, a partire dai testi – di una spanna sopra  la media di quelli che si ascoltano in giro – e di un mix di folk e post rock con venature elettroniche ben articolato e ricco di dettagli.

In questo disco c’è tutto; dal viaggio alla notte, dall’estate che brucia alle cicatrici del passato fino alla positiva violenza del presente.

Blindur è un viaggio in direzione del nord Europa, passando per Dublino con il singolo Aftershock. Nella prima traccia troviamo la consapevolezza di chiunque sa cosa sarebbe potuto essere e non lo è diventato, chiunque pensa a dove sarebbe potuto vivere e che, invece, ha deciso di lasciare. Il tutto viene abbellito da chitarra,  glockenspiel, banjo e percussioni per creare un muro di suono. Difficile da immaginare, pensando che a suonare sono solo in due.

In ogni traccia la cura per le dinamiche è maniacale, i ritornelli sono delle bombe,  semplici, ma che nascondono un’efficacia disarmante.

Alcune tracce dell’album, Canzone per Alex, Foto di classe, VannyContrometafore sono già conosciute da chi segue i Blindur e li ha visti almeno una volta dal vivo in uno dei 150 live  in giro per l’Italia o all’estero.

L’articolo continua sul sito di Music Coast To Coast

Commenta