I cortometraggi vincitori del Giffoni Film Festival 2018: il cinema che unisce tutta la famiglia

Giudici attenti e preparati sin da piccolissimi: ai giurati della 48esima edizione del Giffoni Film Festival il compito di premiare, non solo lungometraggi e documentari, ma anche i cortometraggi vincitori del Gryphon Award 2018. Si inizia con i più giovani, gli Elements +3, che hanno scoperto – probabilmente per la prima volta – la magia del cinema tra le sale cinematografiche di Giffoni. Il gusto dei più piccoli ha eletto il cortometraggio animato ANT (Julia Ocker, Germania) storia di una piccola formica che invece di seguire le regole preferisce stravolgerle con grande creatività.

Nella sezione Elements +6 ha trionfato BELLY FLOP di Jeremy Collins, Kelly Dillon (Sud Africa). La perseveranza dà i suoi frutti: una bambina coraggiosa prova diversi tipi di tuffo, incurante della talentuosa atleta che le ruba la scena.

Si continua con gli Elements +10: a ritirare la statuetta è GELATO – SEVEN SUMMERS OF ICE CREAM LOVE di Daniela Opp (Germania). Agli inizi del 20esimo secolo gli italiani conquistano la Germania con il gelato ma, a causa della guerra, gli italiani diventano dei nemici e la storia d’amore tra Rosa, una ragazza tedesca, e Paolo, figlio del gelataio italiano, si interrompe bruscamente.

L’apprezzamento dei Generator +18, invece, è tutto per TWEET TWEET di Zhanna Bekmambetova (Russia). Vivere è come camminare su una corda tesa: a volte siamo spaventati o rischiamo di perdere l’equilibrio, ma quando siamo felici ed emozionati possiamo persino volare, come Luba, una bambina e il suo amico passero che non conosce la paura.

Parental Experience, sezione dedicata alla famiglia, ha scelto 2ND CLASS di Jimmy Olsson (Svezia): Charlotte, nuova insegnante di una seconda media, viene attaccata da un nazista. Uscita dall’ospedale, scopre che l’aggressore è il padre di uno dei suoi studenti.

Studentessa di Lettere Moderne alla Federico II. Divoratrice di serie Tv e film di ogni genere. Nostalgica di epoche che non ho vissuto.

Commenta