Idee per un San Valentino meno consumistico e più romantico: doni immateriali e preziosi da fare alla persona amata. Poesie napoletane per far avvampare l’amore.

Nel discorso per il conferimento del premio Nobel, Eugenio Montale, nel 1975, poneva un quesito che risulta ancora estremamente attuale: “Potrà sopravvivere la poesia nell’universo delle comunicazioni di massa?” Un universo in cui ogni cosa sembra ridotta ad un mero oggetto di consumo, persino l’arte, persino i sentimenti, sfoggiati con vanità ed esposti  pubblicamente dovunque,  come gioielli costosi.

La sopravvivenza della poesia, il suo instancabile permanere attraverso i secoli, ci dimostra  che ciò di cui abbiamo più bisogno è qualcosa di immateriale, intangibile e preziosissimo, che sia in grado di smuovere in profondità l’animo fino a farci commuovere e a farci sentire vivi perché essere umani, perché fragili e fatti di sentimenti contrastanti. Quindi oggi, a più di quarant’anni da quel discorso, nel dilagare tacito e imperterrito del consumismo, possiamo dire che la previsione di Montale fosse più che fondata: la poesia sopravviverà sempre, se per poesia intendiamo quella che riesce a  fotografare un’intera epoca e una situazione linguistica e culturale, quella che non resta fossilizzata nel suo tempo, ma è in grado di dischiudersi a nuovi significati e di assolvere al bisogno ancestrale di esprimere i propri sentimenti, di dare voce all’incomunicabile, attraverso una sorta di affascinante mistero che assomiglia all’attimo in cui il bruco rompe il bozzolo per trasformarsi in farfalla e spiccare il volo.

Quale occasione migliore di San Valentino, dunque, per riscoprire l’immenso valore e la forza quasi magica della poesia? Oltre i peluches, i cioccolatini, i bracciali costosi, e altri oggetti che in questi giorni affollano le vetrine, c’è qualcosa di molto più prezioso che si può donare alla persona amata. Per questo, abbiamo scelto di proporvi una selezione di cinque poesie in napoletano, una lingua che per la sua musicalità e la sua ricchezza lessicale sembra particolarmente adatta ad esprimere in versi un sentimento così ricco di sfaccettature come l’amore.

Salvatore Di Giacomo (Napoli 1860 – 1934) fu, oltre che poeta, saggista e drammaturgo. Il fascino della sua arte deriva da un connubio tra naturalismo e decadentismo. La realtà pulsante della vita nei vicoli di Napoli è ritratta sempre in maniera autentica ma mai cruda, vista attraverso un caleidoscopio di sensibilità chiaroscurale e malinconica. Anche il suo uso del dialetto, è più che essere uno strumento del naturalismo, tende a alla ricerca di una raffinata musicalità.

Questa musicalità si ritrova in “Damme a mano”, pubblicata inizialmente con il titolo di Viulinatella, poesia intrisa di una profonda e intensa tenerezza. Il ritmo lento della prima strofa, in cui, con tocchi impressionistici, si descrive un delicato idillio amoroso, lascia il posto, nei versi finali, a un ritmo più cadenzato, con l’anafora (ripetizione) di domande rivolte all’amata. sono le incertezze del fragile cuore del poeta, che sembra chiedere conferme alla donna amata, la quale, però, non proferisce parole, ma risponde unicamente con il linguaggio degli occhi. Così il componimento si conclude con un’immagine che, in tutta la sua semplicità ed intensità riesce a racchiudere il mistero e l’incanto del più ineffabile dei sentimenti umani.

Damme a mano

Damme ’a mano… Lentamente
nu viulino sta sunanno,
e io te tengo, finalmente,
core a core, strenta a me.
Sento ’a toia dint’a sta mano,
sento ’o sciato ’e sta vucchella,
e chist’ uocchie, chiano chiano,
dint’ ’e mieie veco guardà…

Quanta vote aggio penzato,
pure nzuonno, a stu mumento,
e int’o suonno mancà ’o sciato

mme so’ ntiso comm’ a mo!…
Sottavoce, lentamente,
core a core, uocchie ’int’a ll’uocchie
mo te pozzo — finalmente! —
doie parole suspirà…

Dimme, dimme — zitto, zitto —
Mme vuo’ bene?… Mme vuo’ bene?…
Fino a mo nun mme l’ ’è ditto!..

Mm’ ’o vuo’ di’? Mm’ ’o vuo’ di’ mo?..
Ma tu quase, int’a sti bbraccia,
viene meno, t’abbandune…
E int’ a st’uocchie, int’a sta faccia,
quanta sì, Dio!. Quanta sì!….

L’ineffabilità dell’amore è il tema centrale della poesia “S’i t’o sapesse dicere”, di Eduardo de Filippo (Napoli 1900 – 1984), considerato una delle più eminenti figure della drammaturgia italiana del Novecento. Nelle poesie di de Filippo possiamo rintracciare lo stesso filo conduttore che caratterizza le opere teatrali: l’obiettivo primario di dare voce ai desideri e alle inquietudini dell’animo umano, attraverso un linguaggio accessibile a tutti.

S’i t’o sapesse dicere

Ah… si putesse dicere
chello c’ ‘o core dice;
quanto sarria felice
si t’ ‘o sapesse dì!

E si putisse sèntere
chello c’ ‘o core sente,
dicisse: “Eternamente
voglio restà cu te!”

Ma ‘o core sape scrivere?
‘O core è analfabeta,
è comm’a nu pùeta
ca nun sape cantà.

Se mbroglia… sposta ‘e vvirgule…
nu punto ammirativo…
mette nu congiuntivo
addò nun nce ‘adda stà…

E tu c’ ‘o staje a ssèntere
te mbruoglie appriess’ a isso,
comme succede spisso…
E addio Felicità!

Anche Peppino de Filippo, fratello di Eduardo, fu, oltre che attore e drammaturgo, autore di numerose poesie d’amore, come “Pensiero pe nu core ca se vo bene” e “Bongiorno ammore”.

Bongiorno ammore

Bongiorno ammore,
bongiorno ammore mio,
tutto è cchiù bello e caro
vulenno bene a te.
N’aria ‘e tempesta
pare doce e liggèra,
nu tiempo amaro e triste,
pare felicitá…
Si ê vvote mme faje credere
ca pienze ‘e mme lassá
e ‘o core mme faje chiagnere
ca tantu male fa…
Mm’abbasta vedé splènnere
st’uocchie ca tiene tu…
ca ‘mparaviso, crídeme,
mme pare ‘e stá cu te!
Bongiorno ammore,
bongiorno ammore mio…
só’ mille suonne d’oro
stanno vicino a te.
Cántano ‘e sciure
e canta ‘o sole e ‘o mare
Marí’, pe’ chist’ammore,
ca vò’ sultanto a te!

 

Penziero pe nu cor ca se vo ben 

So’ tante ll’anne
ca ce vulimmo bene
ca tutte ‘e ccose d’ ‘o munno
m’arricordano ‘e te:
‘na matenata ‘e sole,
‘na jurnata afòsa,
‘na stesa ‘e campagna,
‘o silenzio ‘e ‘na montagna,
‘nu ciardino,
‘na schiuppata ‘e rose,
‘nu cielo corallino,
‘na vranca ‘e cèrase…
‘na vela p’ ‘o mare,
‘na sera d’autunno…
‘na frònna,
‘na lettera ‘ngialluta,
‘na camicetta ‘e seta,
‘o sisco ‘e ‘nu vapore,
‘o suono ‘e ‘na campana…
‘na voce luntana…
‘n’ auciello in amore,
‘o calore ‘e ‘na notte d’està,
‘nu rispiro,
‘nu fiato,
‘na sera ‘e vierno…
‘nu ligno appicciato…!
È ‘nu ricordo eterno
‘st’ammore nuosto
ca dint’ ‘o core mio
eternamente sta.
Stann’ ‘int’ a ll’uocchie tuoje,
chiare e sincere,
tutt’ ‘e penziere mieje.
È bello, anema mia,
a campà comme campammo:
io pe’ tte
tu pe’ mme!

Concludiamo questo breve excursus poetico con una celebre poesia di Salvatore di Giacomo,  Ll’ ortenzie, che narra di un amore ormai finito, come una pianta in autunno, seccata, priva di vita, la pianta della malinconia che la donna, tuttavia, si ostina ad innaffiare. Ma una vita senza amore può dirsi veramente tale? Le ortensie simboleggiano non solo un rapporto finito, ma sono anche l’emblema dell’amore nella sua più alta accezione, della capacità di continuare ad amare nonostante le delusioni, le ferite, le cadute connaturate all’esistenza umana. Sono, insomma, quei fiori che non dovremmo mai smettere di coltivare dentro di noi, affinché non appassiscano mai del tutto.

Ll’ ortenzie

‘St’ ortenzie ca tenite ‘int’ a ‘sta testa,
che ll’ adacquate a fa ? Nun l’ adacquate:
levatennélle ‘a fora ‘a ‘sta fenesta,
nun ‘o bedite ca se so’ seccate
‘st’ ortenzie ca tenite ‘int’ a ‘sta testa ?

È ‘na malincunia: ‘sta pianta è morta;
se ne cadeno ‘e sciure a ffronne a ffronne,
e ‘o viento, bella mia, piglia e ss’ ‘e pporta,
e chi sa che ne fa… se ll’ annasconne…
E ‘na malincunia: ‘sta pianta è morta !

Morta ‘nziemme cu nuie. Muorte nuie simmo:
nun ce penzammo cchiù, nun ce parlammo,
nun ce vedimmo cchiù, nun ce screvimmo…
E se pò chiammà vita ? E nuie campammo ?
Meglio, meglio accussì: muorte nuie simmo.

Viento, ca spierde ‘e sciure spampanate,
spàrtece pure a nuie, spierde ‘st’ ammore:
asciutta tanta lacreme spuntate
dint’ a chilli belle uocchie e ‘int’ a ‘stu core,
viento, ca spierde ‘e sciure spampanate…

E comm’ accuminciaie, comm’ è fenuto
‘st’ ammore nuosto e tu fance scurdà:
ietta ‘o tterreno ‘ncopp’ a ‘stu tavuto,
e fallo sottoterra cunzumà…
Ah, comme accuminciaie !… Comm’è fenuto!

Nata nel ’97 a Bologna, mi sono trasferita da bambina in un paesino dei Monti Lattari. Grazie alle persone che ho incontrato, ho iniziato ad amare questa terra meravigliosa, troppo spesso vista attraverso la lente del pregiudizio. Sono appassionata di letteratura, fotografia e arte, in tutte le sue manifestazioni. La lettura del libro “In viaggio con Erodoto”, di Ryzdard Kapuscinsky, mi ha insegnato il valore e la bellezza della diversità. Studio arabo e inglese presso la facoltà di mediazione linguistica e culturale.

Commenta