Cinque poesie napoletane, cinque chiavi di lettura diverse, cinque temi differenti.

Oggi con questo articolo esaminiamo cinque poesie indimenticabili napoletane per stimolare la vostra passione nei confronti della nostra cultura partenopea, alla riscoperta delle nostre tradizioni, del nostro dialetto e del modo di pensare di cinque poeti che hanno lasciato un segno nel nostro panorama letterario italiano e napoletano.

’A fattura di Ferdinando Russo
M’ fatto na fattura int’ a na noce,
e nun me movo cchiù: stongo attaccato.
E vaco p’ alluccà, me manca ‘a voce,
‘vaco pe’ m’ addurmì, resto scetato.
È vierno, cade ‘a neve e ‘o core coce;
è state, scotta ‘o sole e sto gelato!
M’ fatto, sta fattura doce doce…
Assassenella, e che m’ è cumbinato!
M’ fatto na fattura int’ a na mela,
m’è’ è spurtusato ‘o core c’ ‘a vriala:
songo arredutto comm’ a na cannela,
nun tengo ‘a forza de saglì ‘sta scala!
Nun tengo ‘a forza ‘e fa’ nu passo sulo,
m’ arruvinato figliulo figliulo…
E mammema n’ è morta p’ ‘o delore,
streca malegna, nfama e senza core!

Ferdinando Russo (1866- 1927) è stato un poeta e autore di canzoni napoletane. In questo poesia ci parla di questa fattura, che altro non sarebbe che un maleficio, lanciato da una donna che l’ho fatto innamorare.  Dal testo traspare una forte sofferenza che non l’abbandona mai e negli ultimi due versi ci dichiara con rabbia che sua madre non è morta per il dolore, ma per la maledizione.

 ‘A livella di Totò

Ogn’anno,il due novembre,c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

[…]

Leggi la poesia completa qui.

Questa poesia, famosa ormai in tutto il mondo, rimane un capolavoro intramontabile. Totò con questo scritto ci insegna che non importa se nella vita sei stato un magistrato o un commesso, uno che vive di rendita o un ingegnere, sotto terra siamo tutti uguali, la non esistenza annulla tutti i titoli che abbiamo acquisito nella nostra vita. La morte eguaglia tutti.

Ncopp’ a sta Terra di Eduardo De Filippo

Te pare luongo n’anno
e passa ambressa;
quann’è passato se ne va luntano;
ne passa n’ato
e quanno se n’è gghiuto
corre pur’isso nziem’ a chillo ‘e primma,
e nzieme a n’ati cinche
vinte
trenta
se ne vanno pe’ ll’aria
ncopp’ ‘e nnuvole.
E ‘a llà tu siente comm’ a nu frastuono
ch’è sempe ‘o stesso
‘a quanno ‘o munno è munno
ncopp’ a sta terra:
comme si fosse ‘a banda d’ ‘o paese
ca scassèa mmiez’ ‘o vico
e s’alluntana.
Trase int’ ‘e rrecchie quanno sta passanno
e nun ‘a siente cchiù quann’è passata.
Ma na cosa te resta:
sa che te rummane?
Te rummane ‘o ricordo ‘e nu mutivo
comme fosse na musica sperduta
‘e nu suonno scurdato,
ca t’è paruto vivo
chiaro cchiù d’ ‘o ccristallo
dint’ ‘o suonno
e nun ‘o puo’ cunta’ quanno te scite
manc’a te stesso,
tanto è fatto ‘e niente.

Eduardo De Filippo, riconosciuto universalmente come uno dei più grandi artisti ed intellettuali del Novecento, è stato autore di numerose opere teatrali da lui stesso messe in scena e interpretate e, in seguito, tradotte e rappresentate da altri anche all’estero.

Lassamme fa a Dio di Salvatore di Giacomo

‘A dummeneca ‘e Pasca
d’ ‘o mille e noveciento, ‘o Pateterno
(ca s’ è susuto sempe ‘int ‘e primm’ ore)
di buonissimo umore
se scetaie mmerz’ ‘e sette
fece chiammà san Pietro e lle dicette :
– Pie’, siente, stammatina
è na bella iurnata
e ll’ aria è fina fina :
vurria fa’ na scappata
‘n Terra. Che te ne pare?
– Mah ! – dicette san Pietro –
(santo napulitano e, mparaviso,
capo guardapurtone)
mah… Lei siete il padrone!
Vulite vedè ‘a Terra? E fate pure…
Però… vedete… francamente, ‘a Terra
è nu poco afflittiva.
V’ avesse disgustá!…

[…]

Potete leggere la poesia completa qui.

Salvatore Di Giacomo (1860-1934) è stato un poeta, drammaturgo e saggista italiano. Dapprima spinto dal padre si iscriverà alla facoltà di medicina, dopodiché decide di abbandonarla attratto sempre più dalla letteratura. Lassamme fa a Dio, una tra le tante poesie che ha composto, ci racconta di una plebe afflitta e miserevole in questo lungo testo in versi dai tratti onirici.

‘O miercurì d’a Madonna ‘o Carmene di Ernesto Murolo

Chiove…
Cupa è ’a campana ’a chiesa ’o Carmene
stu miercurì d’ ’e muorte.
Fanghiglia e secatura tutt’ ’a chiesia,
gente ’nzeppata fino a sott’ ’e pporte.

E so’ femmene ’e dint’ ’o Lavenare,
neguziante ’e vascio ’a Cunciaria,
signore aristocratiche, pezziente,
ferrare ’e Sant’ Eligio, marenare,
femmene malamente
d’ ’o llario d’ ’e baracche e ’a Ferrovia…

E pe’ mmiez’ a sta folla ’e facce gialle,
scemunite pe’ guaie, miserie, schiante,
na tanfa ’e pezzecaglie e de sudore.

[…]

Potete leggere la poesia intera qui.

Ernesto Murolo
(1876-1939) è stato un poeta, drammaturgo e giornalista italiano. Insieme a Salvatore Di Giacomo, Libero Bovio ed E. A. Mario è stato un artefice della cosiddetta epoca d’oro della canzone napoletana. In questa poesia si legge la devozione e l’amore che il popolo napoletano nutre per la “Mamma del Carmine” e la fede che le manifestano nel giorno di mercoledì a lei consacrato.

L’articolo si conclude qui, sperando di avervi dato la spinta giusta per farvi credere di approfondire la poesia in generale e perché no, di esaminare nello specifico quella napoletana.

Sono Angelamaria Saturno (per tutti Angela), ho quasi 18 anni, abito ad Acerra e frequento il liceo linguistico. Sono un’avida lettrice di libri e una sognatrice ad occhi aperti. Nel tempo libero mi diletto nella scrittura e nello sport. Sono molto ottimista e difficilmente getto l’osso, chi mi conosce lo sa!
Questo progetto è un grande portone che si è spalancato per me e ne sono grata perché è ora che si dimostri che la Campania non è solo spazzatura.

2 pensieri riguardo “Cinque poesie napoletane indimenticabili

Commenta