Demon’s Daughter chapter 2: Into the void; con questo piccolo capolavoro di autoproduzione Claudio Avella presenta il fumetto campano a Lucca Comics.

Sono trascorsi oramai due anni dalla pubblicazione e dal conseguente successo di Demon’s Daughter. Ora Claudio Avella è tornato ad occuparsi delle vicende di Jane, la mezzodemone figlia del demone maggiore Astaroth, nel secondo volume della saga, Demon’ s Daughter 2: Into the void.

dd03-quaanoLa trama riprende in un tempo diverso da dove l’avevamo lasciato, nel secondo volume, ritroviamo Jane a due anni di distanza dai fatti raccontati nel 2014, alle prese con sensi di colpa insoluti, i problemi quotidiani della sua amica e compagna di avventure Connie ed un nuovo terribile nemico che minaccia l’esistenza dell’intero creato! La giovane mezzodemone, oramai consapevole dei propri poteri demoniaci e della loro continua crescita, sarà costretta a stringere nuove alleanze, per poter affrontare una situazione difficile e terribile. Un volume ricco di azione e colpi di scena, in cui non manca uno humor, per niente velato, che rende l’intera narrazione più light rispetto al precedente lavoro. Più vicino ai toni dello splatter che al gothic dark a cui Avella ci aveva abituato con Demon’s Daughter vol. 1, il secondo albo lascia comunque molto spazio all’introspezione, alla riflessione e a tematiche di interesse etico-filosofico rivisitate in una chiave microcosmica di facile comprensione. La ricerca di se stessi, il coraggio, il senso di giustizia, la bellezza dell’imperfezione e dei sentimenti umani, sono temi trattati con mano appassionata e occhio oggettivo. In Demon’ s Daughter 2: Into the void, Jane dovrà trovare in sé stessa le risorse per prendere in mano la propria vita e poter decidere, da ora in poi, da sola. Età della maturità per la protagonista, tema che, in un modo o nell’altro, chiama in causa il lettore di ogni fascia, catturandolo, ammaliandolo, trasformandolo.

Con questo secondo albo, che sarà presentato durante l’edizione 2016 di Lucca Comics, Claudio Avella, muove la Campania del fumetto, e non solo, alla conquista della fiera. Vastissima la mole di artisti coinvolti nella realizzazione di questo progetto, a partire dalla sceneggiatura di Giovanni Di Meglio, sodalizio nato tra le fila del collettivo di fumettisti campani Artsteady di cui entrambi sono membri. Da Artsteady provengono anche le matite di Raffaele Ricciardi, Andrea Errico ed i colori di Ruben Curto e Michele Monte. Le colleborazioni si estendono a grandi firme del panorama nostrano e internazionale quali (e ne citiamo solo alcuni) Pasquale Qualano, Giuseppe Cafaro, Greta Xella e Ludovica Ceregatti passando per nuove leve dal sicuro avvenire. Per la copertina del secondo volume, Avella, ha potuto contare sul prezioso e notevole supporto di Otto Schmidt.dd00-schmidt

Un fumetto comunitario creato sotto la direzione artistica di Avella, che apre le porte a possibilità artistiche di non comune uso. Con Demon’ s Daughter 2: Into the void, il fumetto diventa comunitario, il lavoro diventa una raccolta di personali opere d’arte che arricchiscono il valore del singolo prodotto. Un’idea interessante, che se da un lato rischia di snaturare il lavoro stesso, dall’altro consegna tra le mani dei lettori un albo autoprodotto, dal grande valore artistico.

Nel già nutrito volume trova spazio anche una riedizione di El Tio, la storia breve realizzata ai disegni da Alessandro Miracolo, qui affiancato dall’ottima Chiara Miriade che, insieme ad altro materiale extra, va a comporre le 64 pagine di un volume che si propone di essere prima di tutto un viaggio alla scoperta (o riscoperta, in molti casi) di alcuni tra i più importanti professionisti del fumetto italiano.

dd06-stillaDemon’ s Daughter 2: Into the void, uscirà in concomitanza del Lucca Comics and Games 2016 rigorosamente autoprodotto e sarà disponibile per l’acquisto in fiera (Self Area) ed al Borda Fest – Produzioni sotterraee, festival delle autoproduzioni che si svolgerà a Lucca in parallelo alla storica kermesse e di cui gli autori hanno sposato le idee e gli obiettivi per una produzione artistica indipendente. Successivamente verrà distribuito online e nelle principali fumetterie.

 

Potete leggere gli aggiornamenti su Demon’s Daughter nella pagina ufficiale di facebook.

Commenta