Arriva la mostra dedicata a Giorgio de Chirico: a Nola 40 opere dell’artista

Un’opera d’arte per divenire immortale deve sempre superare i limiti dell’umano senza preoccuparsi né del buon senso né della logica.

Se qualcuno di voi non avesse mai visto un’opera, una creazione del pittore Giorgio de Chirico (Volos, Grecia, 1888 – Roma 1978), e volesse colmare quest’artistico desiderio, ecco l’occasione che aspettavate: da sabato 18 febbraio saranno esposte a Nola nella chiesa dei Santi Apostoli di via San Felice le 40 opere realizzate dall’artista tra il 1933 ed il 1974. Olii, disegni, tecniche miste, incisioni e litografie che ben ci raccontano alcuni aspetti della vita di uno degli artisti più rappresentativi della storia dell’arte del XX secolo, esponente principale della corrente artistica della pittura metafisica.

La giustificazione teorica della pittura metafisica era tratta dalla teoria di Schopenhauer sulle apparizioni, secondo la quale l’immagine del sogno susciterebbe desiderio e sorpresa, offrendosi da un lato al dormiente con la sua realtà, dall’altro al di là delle umane possibilità di azione in lui latenti. Il sogno travalica le funzioni cerebrali di spazio, tempo, causalità e coglie una realtà più vera. Quel senso di sorpresa e quel raggiungimento di una realtà non contingente sono, per De Chirico, lo scopo della pittura metafisica.

Giorgio de Chirico può essere considerato il padre della pittura “metafisica”, intenta a creare suggestioni fantastiche con l’accostamento degli oggetti più disparati e specie di statue antiche in uno spazio costruito secondo le regole della prospettiva quattrocentesca, ma acceso da colori dal timbro decisamente moderno, con associazioni stupefacenti non soltanto di sensi e di idee, ma anche di storia e di tempo. La sua pittura intende, desidera svelare il mistero dell’esistenza umana tramite il fascino dei suoi quadri.

È stata l’amministrazione comunale di Nola, sotto la guida del sindaco Geremia Biancardi e dell’assessore alla cultura Cinzia Trinchese, a farsi carico dell’onere e dell’onore di promuovere una così importante iniziativa. L’inaugurazione, curata dall’organizzazione artistica “Friarte” con Pasquale Lettieri, Ermenegildo Frioni e Marcello Palmintieri,  è fissata per questo sabato alle ore 18.00, dove sarà dunque possibile ammirare alcuni dei capolavori di de Chirico tra cui un disegno del 1933. All’evento presenzieranno il sottosegretario ai beni culturali Dorina Bianchi ed Antonio Giuseppe Martiniello, ambasciatore Unesco giovani per la Campania. L’arte di Giorgio de Chirico sarà accompagnata anche dalle performance artistiche dello stilista Gianni Molaro e di Pasquale Marigliano, il noto pasticciere dell’anno, che renderanno un omaggio alla città con le loro creazioni.

Le visite guidate saranno guidate dall’associazione Meridies. La mostra resterà aperta al pubblico nei seguenti giorni ed orari: dal lunedì al venerdì – 10/13; 17:30/20:30 Sabato e domenica: 10/13; 17:30/21

Commenta