È online dallo scorso 4 ottobre 2016 il nuovo video di Antonio Manco: “Il nostro posto nel mondo”, girato dalla videomaker Linda Russomanno.

Il cantautore napoletano, in attesa del suo nuovo lavoro discografico atteso per la primavera 2017, condivide con i suoi fan un lavoro che segna un momento di rottura e rinascita nel suo percorso musicale. La pubblicazione di questo videoclip va contro ogni “logica del mercato musicale”, ma ad Antonio Manco poco importa: il giovane cantautore ha scelto di condividere un amore. Un amore vero non segue regole e schemi che possano essere rispettati.

 

Nella mia idea questo video rappresenta un sogno. Un sogno che altro non è che l’amore idealizzato. Quelle che si vedono sono immagini che ci portiamo dentro quando ci innamoriamo vergognosamente.

 

“Il nostro posto nel mondo” ha due protagonisti principali: una ragazza e i luoghi che ripercorre. Lo spettatore si ritrova catapultato in quelli che è possibile definire “luoghi del cuore”. Ricordi vividi che si toccano con mano legati da una malinconia. Una canzone d’amore però che non cela alcun rimpianto.

Lo scrittore Raymond Carver diceva: “Non c’è nulla di più banale e meraviglioso dell’amore”, a questo, attraverso la canzone di Antonio Manco è possibile aggiungere che solo chi ha il coraggio di vivere l’amore in tutte le sue banalità può poi cantarlo e viverlo senza paura. Tutti noi siamo legati dalla “banalità” dell’amore.

Manco ha esordito nel 2013 con il suo primo album, completamente autoprodotto, “Ok… il momento è giusto”, che si è avvalso della produzione artistica di Giuseppe Spinelli ed è stato presentato alla Casa della Musica durante la X edizione del DiscoDays.

Manco è stato finalista al Rock Targato Italia e al Festival della Canzone d’Autore “Ugo Calise”, oltre che semifinalista al Premio Pierangelo Bertoli. Inoltre ha avuto l’opportunità di calcare palchi prestigiosi come quello del Teatro Trianon di Napoli, e di aprire i concerti di artisti di rilievo come Riccardo Sinigallia alla VII Edizione del Rockalvi Festival e de I RIO.

In questo momento, dopo più di due anni intensi, tra concerti, opening e concorsi fuori e dentro la Campania, Manco è nuovamente al lavoro sotto la direzione artistica di Giuseppe Spinelli.

 

Commenta