L’istituzione scolastica tra storia e burocrazia” è il titolo del libro di Gaetano Panico, pubblicato a maggio dalla casa editrice Kimerik. Il soggetto del testo è la scuola italiana. Viene raccontata la sua evoluzione attraverso le leggi avute dal periodo unitario ai giorni nostri.

Il problema dell’obbligatorietà scolastica è stato da sempre presente nella legislazione degli Stati moderni sin dal Settecento. In Italia ci si inizia a interessare concretamente dell’argomento nel 1859, con la creazione della Legge Casati – promulgata per il Regno di Sardegna ed estesa a tutta la penisola dopo l’unificazione. Tale legge rendeva obbligatoria la scuola italiana fino ai sette anni. Ciò non venne seguito da molti poiché, pur definendo nella legge le sanzioni applicabili ai trasgressori, non veniva presa alcuna manovra in merito. Altro problema nelle scuole è la ridotta istruzione nei confronti delle classi popolari, separazione che tuttora sembra permanere, seppur in minima parte.

Gaetano Panico sulla scuola italiana

Gaetano Panico, nel libro L’istituzione scolastica tra storia e burocrazia (Kimerik), tratta di questi aspetti della scuola italiana. Il testo è suddiviso in tre parti, ognuna riguardante una caratteristica dell’argomento. Nel primo capitolo, La scuola in epoca pre-fascista e la riforma Gentile, vengono esposte le leggi che hanno migliorato l’organizzazione e la didattica negli istituti italiani. Vengono quindi menzionate le leggi Casati, Coppino, Daneo-Credaro e Gentile. Nel secondo capitolo, L’istituzione scolastica dall’età Repubblicana agli anni ’90, vengono trattate la legislazione scolastica presente nella Costituzione, le leggi in età Repubblicana fino alla Legge n. 59 del 1997 sull’autonomia didattica. Nel terzo capitolo, infine, Il personale docente e la responsabilità del docenti e del Dirigente scolastico, si parla delle modalità di assunzione del corpo docenti e dei diritti e dei doveri di quest’ultimo.

Il testo è scritto in maniera chiara e concisa, e ciò permette la facile veicolazione dei contenuti. Il suo autore è senza dubbio esperto in questa materia, si nota dalla sua modalità di scrittura. Infine, viene resa gradevole una lettura che non viene generalmente intrapresa per piacere. Quest’ultimo è un aspetto fortemente positivo da sottolineare, essendo un obiettivo che non sempre viene raggiunto.

Autore: Gaetano Panico, nato nel 1988, coltiva sin da giovane uno spiccato senso civico. All’età di 19 anni si arruola come volontario nell’Esercito Italiano, dove presa servizio al carcere militare di S. Maria Capua Vetere (CE) e al Genio Ferrovieri Ozzano dell’Emilia (BO). Nel 2015 fonda l’Associazione “Acerra Viva“, di cui è Presidente. È laureato in Scienze dell’educazione e della formazione e laureando in Psicologia del lavoro e delle organizzazioni.

 

Nata nel 1997 a Caserta. Pianista a tempo pieno, scrittrice da sempre e instancabile viaggiatrice. Porta sempre con sé un'agenda e una penna per poter immortalare tutto ciò che la colpisce.

Un pensiero riguardo “La scuola italiana raccontata da Gaetano Panico

Commenta