Se ti giri intorno coi Beltrami cambi punti di vista

I Beltrami sono una band campana, di genere pop/alternative, tra le più conosciute e promettenti dell’interland patenopeo e non solo. Dopo un primo lavoro, Intorno, che ha dato al gruppo non poche soddisfazioni, pubblicano Punti di vista, il loro secondo disco. Dopo aver recensito quest’opera abbiamo deciso di fare due chiacchiere con i ragazzi per capire il loro…

Una domanda sui generis. Diteci in 5 parole cosa c’è di diverso in questo vostro ultimo lavoro “Punti di vista” rispetto ad “Intorno”.

Una maggiore consapevolezza e maturità.

 

Qual è il concept da voi scelto nell’ideare il vostro secondo disco? Avete seguito delle linee guida ben precise? Com’è nato il processo creativo?

A differenza del primo disco, il processo creativo di “Punti di Vista” ha seguito delle linee guida, non sappiamo quanto precise, a posteriori sarebbe facile definirle tali. Volevamo fare un disco che parlasse ancora della realtà che ci circonda, che lo facesse prendendosi la responsabilità di dire la propria, senza la pretesa che questa fosse oggettiva.

 

La penna dei Beltrami è Troianiello, vero? Quali sono le sue ispirazioni letterarie? A quali poesie, canzoni, libri s’ispira?

Sì, vero. L’ispirazione è dovuta agli ascolti ossessivi di quelli che un po’ tutti noi considerano i padri del cantautorato italiano, ma è un’ispirazione che guarda più all’estetica che ai contenuti. La letteratura, le poesie, più che ispirazione fanno da influenza, condizionando il modo di scrivere, di scegliere una parola piuttosto che un’altra. L’ispirazione dei contenuti, arriva invece dalla vita di tutti i giorni, dalle storie personali e vicine che si incrociano e ci “toccano”.

 

Parliamo ancora di musica, qual è il featuring dei vostri sogni? Prima italiano e poi straniero.

Tra quelli ancora vivi? Per l’Italia, risponderemmo sicuramente in coro uno tra Fabi, Silvestri e Gazzè. Nell’internazionale si fa dura, ci sono ancora in giro molti mostri sacri. Vabbè, facciamo una donna? Lisa Hannigan.

Il resto dell’articolo sul sito di Music Coast To Coast

Commenta