Si incontrano La Maschera e Laye Ba, e nasce Te vengo a cercà, canzone di fratellanza e diversità.

Dall’incontro de La Maschera, uno dei più genuini e straordinari gruppi musicali attivi nel napoletano, e di Laye Ba, cantautore senegalese, è nata Te vengo a cercà, una canzone bellissima, attesa da tempo da tutti quelli che erano rimasti affascinati dalle sonorità di ‘O vicolo ‘e l’allerìa, il primo disco de La MascheraLa canzone parla di emigranti, di difficoltà. E si regge su un parallelismo quanto mai vero: quello fra Napoli e l’Africa, bruciate innamorate dallo stesso sole. La canzone parla anche di unione, l’unione nella diversità, e di amore, amore per la diversità. La mia personalissima lettura mi lascia senza parole. Voi stessi potete leggerne il testo, cantato a due voci da Laye Ba e Roberto Colella. Con la canzone nasce anche un video altrettanto bello, girato dal gruppo tra Napoli e Dakar, durante un viaggio in Senegal che abbiamo potuto seguire tramite la loro pagina Facebook. Un viaggio che, a quanto hanno raccontato i ragazzi, li ha arricchiti tanto, e non solo musicalmente. L’unione sia musicale che fisica (nel video) fra le due città è audace, bella. Riporta atmosfere d’Africa e ti fa venire la voglia di partire anche tu per Dakar, o per un qualsiasi altro luogo che sia più genuino e vero dei nostri, con un po’ meno cemento.

A La Maschera vanno tutti gli auguri del mondo affinché continuino la loro bella musica, che emoziona cuore e orecchie. Intanto, la canzone la potete ascoltare su Youtube, qui, oppure sul fondo di questa stessa pagina. Per seguire il gruppo c’è la pagina facebook ufficiale. Vi salutiamo con il testo di Te vengo a cercà:

Te vengo a cercà

Nioo booke faniuu diogue
Booke faniuuy deloo
Ngua am yaay ma am baay
Deret bi benela
Ngua am yaay ma am baay
Deret bi benela

Viento cavero che saglie
Tieni cumpagnìa ‘e criature
Puort’ lacreme e sudore
A chi cerca ‘e annasconnere ‘e culure
Leva ‘o peso d’ ‘a fatica
Je mo parto… nun me fa sentì ‘a paura

Nun m’ha visto nisciuno ‘int’ ‘o scuro
Faccia sporca ‘e na guerra addò niente è sicuro
E ‘int’ ‘a guerra ce vò cchiù curaggio a restà

Ah… chest’ è Napule e nun è Africa
Scinn’ ‘a copp’ ca nun può stà fermo a guardà
Nuje cantamme…
e ‘o stesso sole c’ abbrucia e ce fa ‘nnammurà
e pe’ quanto stu mare è tempesta je stanotte
te vengo a cercà

jamm laniuuy nian
moom laniuuy nian burbi yalla
xiro nguayogui
waruniuu thi sunu bir
xiro nguayogui
waruniuu thi sunu bir

fronne cadono e ‘o munno se sparte
tra chi è terra salata e chi è sciore che nasce
e ogni sciore, pe’ ammore s’ha da fa campà

Ma… chest’ è Napule e nun è Africa
Scinn’ ‘a copp’ ca nun può stà fermo a guardà
Nuje cantamme…
e ‘o stesso sole c’ abbrucia e ce fa ‘nnammurà
e pe’ quanto stu mare è tempesta je stanotte
te vengo a cercà

Un pensiero riguardo “Te vengo a cercà: la nuova bellissima canzone de La Maschera

  • 9 Dicembre 2016 in 18:19
    Permalink

    Brano commovente che descrive la predisposizione del meridionale ad aiutare e ad amare il fratello in difficoltà.

Commenta