Un duo giovane e fresco pronto a mettersi in gioco: il Cammino di Santiago

Ritrovarsi a guardare il tempo che passa e muta come la fiamma di una candela, non resta che accarezzarlo, curarlo e condividerne il fuoco. Una speranza fatta di stelle e progetti, di promesse e fortuna. “Orizzontale” è un percorso intimo verso l’altra faccia della vita, verso un domani dall’ignoto sapore, in un contesto dove tutto cambia e dove anche l’amore “riduce in pezzi”.

Orizzontale” è il primo singolo de “Il Cammino di Santiago” progetto musicale di due giovani di Villa di Briano, nell’agro aversano, Fabio Ianniello e Gennaro Giardullo, rispettivamente voce-chitarra il primo (che in questo brano registra anche le linee di basso) e batteria il secondo. Sonorità “brit” e post-rock fanno da cornice ad un testo onirico, sognante, ma anche a tratti duro e nudo, capace di svelare le certezze (poche) e le aspettative (molte) attraverso la fragilità umana, dove quello che conta è che, come scrisse Christofer McCandless, “la felicità è reale solo se condivisa” e la ricerca di questa felicità passa anche per la consapevolezza che ci vuole coraggio “per andare avanti, prendendosi cura di chi rimane anche se è cambiato tutto”.

Registrato nei “Red Box Studios” di Succivo, con l’apporto tecnico di Francesco Giuliano (Audio Engineer) e Luigi Reccia (Camera editor), il video vede anche la presenza di Cristina Druc ed è “uscito” il 14 febbraio 2016 alle ore 14:00. Una trovata molto particolare quella del “Cammino” che ha scelto di presentarlo nel giorno di San Valentino perché “siamo innamorati di quello che facciamo, della musica che si stringe alle parole per fare l’amore ogni volta”. Come in un ipotetico viaggio, che si mostra solo attraverso i suoi passi, “Orizzontale” è la prima pietra, il dado tratto, l’inizio di un percorso dalla strada incerta ma illuminata dalla passione e dal coraggio anche quando “sembra che l’orizzonte scivoli su di noi”.

Commenta