Music Coast To Coast è stato al Nadir festival per il primo giorno della rassegna di Soccavo

Con un po’ di difficoltà, ma con uno spirito battagliero invidiabile, parte il Nadir, il festival che si muove in Direzione Opposta in quel di Napoli. Giunto a Soccavo, il suono della musica proveniente dallo spazio aperto dedicato al festival si fa sentire immediatamente, sul palco suonano i Lamarck, vincitori del Nadir OpenStage, che con il loro alternative rock-pop si sono guadagnati la possibilità di aprire le quattro band della prima giornata del Nadir. I 4 ragazzi del napoletano reggono bene il palco impressionando i, purtroppo, pochi presenti, affrontando la prova più dura con grande tenacia.
Ai Lamarck si sostituisce Sandro Joyeux, talentuoso musicista che si divide tra Francia, Africa e Italia, reduce dall’uscita del suo ultimo disco, Migrant, che con la propria chitarra e i suoi fidi compagni trasforma il parterre del Nadir in una pista da ballo esotica e speciale. Descrivere uno ad uno i brani di Sandro sarebbe del tutto inutile, ciò che conta è spiegare l’emozione e l’energia che la sua musica, la sua voce e la sua umiltà, espressa dai piedi nudi sul palco, riescono a regalare al pubblico. Joyeux, musicista immeritatamente sottovalutato, è uno dei pochi performer in grado di coinvolgere con il proprio spirito quanti lo circondano. Un pregio non da poco.
Giunto il turno dei Blindur, mentre il duo si prepara sul palco, c’è tempo per fare un giro tra gli stand del Nadir e permettere agli avventori di giungere in numero più congruo. Basta uno sguardo per capire l’alto livello di organizzazione che i ragazzi del Nadir hanno saputo mettere su, preparando questo grande festival e finanziandolo durante tutto l’anno con una serie di concerti di alto livello. Non solo musica, ma anche stand, fumetti, cibo e alcolici, dibattiti, incontri e tutti gli ingredienti che servono a rendere un festival non solo un appuntamento musicale, ma un luogo d’incontro unico e speciale che raduna persone diverse usando la musica come collante.

L’articolo continua su Music Coast To Coast

Commenta