Cantare la primavera è il secondo istinto dell’uomo, dopo quello di cantare la vita o forse è la stessa cosa? Noi, per questo 21 marzo, vogliamo proporvi quattro poesie napoletane su questa stagione d’amore e d’incanto.

La primavera invita al canto e alla poesia forse più di tutte le altre stagioni. Oggi, nel primo giorno di questo incantato periodo, abbiamo scelto di passeggiare insieme a voi tra i cantori e i poeti campani che non poterono resistere al richiamo della penna allo scoccare del 21 marzo.

Iniziamo con uno dei più amati poeti della nostra tradizione, Salvatore Di Giacomo (e vi raccomandiamo – ma non oggi, ché è primavera! – di passare un pomeriggio a innamorarvi anche delle sue novelle “noir”…), e iniziamo dal mese che porta l’onore e l’onore di ospitare la fiorita ed egoista Primavera: marzo.

Marzo: nu poco chiove
e n’ato ppoco stracqua:
torna a chiovere, schiove,
ride ‘o sole cu ll’acqua.
Mo nu cielo celeste,
mo n’aria cupa e nera:
mo d’’o vierno ‘e tempesta,
mo n’aria ‘e primmavera.
N’ auciello freddigliuso
aspetta ch’esce ‘o sole:
ncopp’’o tturreno nfuso
suspireno ‘e vviole.
Catarì!…Che buo’ cchiù?
Ntiénneme, core mio!
Marzo, tu ‘o ssaie, si’ tu,
e st’ auciello songo io.

Marzo è il mese che raccoglie tutte le stagioni del tempo umano, che le scatena preparandosi alla più vanitosa tra loro; e che invita l’uomo (osservate l’ultimo verso del componimento di Di Giacomo) a diventare parte gioiosa e contraddittoria di una natura cinguettante. Ma sempre Di Giacomo – come d’altronde tutti i grandi poeti – di ogni sentimento umano seppe raccontarci anche il suo opposto. Il 21 Marzo infatti è arrivata primavera, ma, stavolta, non per tutti, non per il poeta, che adesso non sa più immedesimarsi nel canto ridente e verde della natura, narrando invece per contrasto l’attesa dell’autunno. 

Aspetta ‘a primavera.
Aspetta ca stu velo
scuro d’ ‘o vierno nu’ se vede cchiù.
Aspetta. Aspetta
na iurnata sincera,
n’ at’ aria, n’ ata luce n’ ato cielo…

(E ‘a bella primavera
addurosa, è bbenuta –
ma pe tant’ ata gente e no’ p emme.
E, ‘o ssoleto, è passata,
fresca, priata,
allerta –
e fermata nun s’è: se n’è fuiuta…)

Està, c’ adduorme – afosa,
abbagliante, pesante,
che martirio che si’!
Venesse autunno!
E cadessero ‘e ffronne,
lentamente,
nziemm’ ‘o silenzio suio,
ncopp’ a stu munno…

(Ma che buo’? Ma che guarde,
tanto lontanamente,
anema mia scuieta?
Che desidere cchiù,
si è troppo tarde?…)

L’atto di mimesis, di imitazione – soprattutto della natura – ha sostenuto la poesia sin dalle sue origini. Ma, dalla lira dei lontani e misteriosi poetanti antichi alla chitarra del nostro De André, un altro elemento rimane costante: musica e poesia hanno sempre percorso insieme il tempo e i secoli, talvolta come un’unica entità, talvolta come due dolci sorelle in viaggio.

Ed ecco, allora, la Primavera impigliata non solo tra le penne dell’uomo-poeta, ma anche tra le corde dell’uomo-cantore. Un anonimo ottocentesco, infatti, diede vita ad una canzone sulla primavera che in una strofa recita così:

A primmavera, belle e allegre fujeno ll’ore,
mo’ sciure ‘e palummelle tornano a ffa’ ll’ammore, 
so’ belle lli campagne, ma volarria sape’ 
pecché suspira e chiagne, sto core mio, pecché!

 

Infine, ci piace concludere con le parole – e la musica – del nostro Pino, e di Questa primavera, da Che Dio ti benedica (1993).

pecché ‘sta primavera 
a te me fa’ penza’ 
ma chissà addo’ staje stasera 
si m’aje scurdato già 
e in questa primavera 
l’Europa cambierà 
la gente è più sincera 
la pace arriverà.

 

Appassionata di letteratura, arte e folklore, studia Lettere Moderne all’Università Federico II di Napoli. Innamorata senza speranza della sua terra, prende parte ad ogni progetto che possa valorizzarla.

Commenta