A Napoli, 29 settembre, inizia la fiera del libro intitolata Ricomincio dai Libri. Ecco cosa è avvenuto il primo giorno.

Parte, con il primo di tre appuntamenti, la fiera del libro Ricomincio dai libri organizzata da quattro associazioni La Bottega delle Parole, Librincircolo, Parole Alate e dalla cooperativa sociale Sepofà. La fiera, alla sua quarta edizione, lascia la piccola e attiva realtà comunale di San Giorgio a Cremano e si trasferisce in una location singolare: il centro storico di Napoli. Aperte, dunque, nella città partenopea le porte della cultura.
Case editrici, associazioni e 30 autori sono ospiti dell’ex Ospedale della Pace in via dei Tribunali 227. 

Venerdì 29 settembre l’evento si apre con la presentazione del progetto tenuta dagli organizzatori della fiera e diversi assessori comunali, tra cui l’Assessore alle politiche giovanili Alessandra Clemente. L’iniziativa parte dalla passione e dalla collaborazione degli organizzatori impegnati a diffondere il vero spirito dell’evento: portare, finalmente, nella provincia di Napoli, un grande evento dedicato all’editoria. Atipica è la platea, che assiste alle diverse conferenze e presentazioni che hanno riempito la giornata: bambini e ragazzi di scuole primarie e medie della zona accompagnati dagli insegnanti hanno inaugurato le sale ospitanti l’evento. Nella suggestiva cornice della Sala del Lazzaretto si è tenuto l’intervento del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che con abilità ha adeguato la presentazione del suo libro “La città ribelle. Il caso di Napoli” a bambini attenti e partecipativi. 

I veri protagonisti del primo appuntamento della fiera sono stati proprio i bambini, che hanno avuto l’occasione di partecipare a diversi laboratori ed attività allo scopo di avvicinarsi alla scrittura, alla lettura e all’ascolto. Tra i laboratori, quello organizzato dall’associazione APS La Voce di tutti ed il laboratorio ludico teatrale a cura dell’Associazione Parole Alate.

Anche quest’anno gli organizzatori hanno puntato alla semplicità dando spazio e voce agli autori, che a staffetta hanno occupato le sale dell’ex Ospedale intrattenendo gli astanti con presentazioni interattive dei loro libri; tra questi alcuni tra i più importanti del panorama italiano ed altri giovani autori emergenti. Tra gli ospiti più illustri sicuramente Paolo di Paolo che ha presentato il suo libro “Mandami tanta vita”.

Con un discreto successo si conclude il primo appuntamento tra parole e musica, jazz americano e poesia si spengono le luci, cala il sipario ed inizia un nuovo show.

Studentessa di Lettere Moderne alla Federico II. Divoratrice di serie Tv e film di ogni genere. Nostalgica di epoche che non ho vissuto.

Commenta