Domenica 1 ottobre cala il sipario sulla fiera del libro: giochi letterari e interventi culturali hanno dato la conclusione alla quarta edizione di “Ricomincio dai Libri”

“Mi apro alla chiusura” per dirla con una celebre frase della Rowling: la chiusura della fiera si pone infatti l’obiettivo di aprire la mente alla cultura, di aprire uno spiraglio del nostro tempo per dedicarsi all’editoria, di aprire le porte di una biblioteca o le pagine di un libro per immergersi in un mondo al di fuori di noi.

Tante le attività e le associazioni che hanno contribuito a rendere unica questa ultima giornata di Ricomincio dai Libri, a partire da una delle promotrici della fiera, Parole Alate, che dopo la partita del Napoli ha dedicato il proprio tempo allo Speed date, un confronto tra libri e pubblico per la conoscenza dell’editoria in una città che ha bisogno di leggere e vuole crescere culturalmente. Importanti gli interventi di autori come Tommaso Pincio, Maurizio De Giovanni e per finire il celebre Lercio che hanno contribuito ad aumentare la curiosità dei lettori e la voglia di imparare.

Ancora una volta protagonisti di Ricomincio dai libri sono stati i bambini a cui sono stati dedicati la maggior parte dei laboratori ludici: dai libri per far merenda al Triathlon letterario, dalle fiabe per i più piccoli al laboratorio di teatro con l’Associazione di Volontariato BBM. Gli adulti sono stati invece impegnati e travolti dalla poesia napoletana, sfogo di una società metropolitana che riesce ancora a vedere del bello nella propria città. I più grandi, tra l’altro, sono stati coinvolti in un gioco letterario promosso da Terre di Campania che si pone l’obiettivo di attivare il cervello e collegare frasi e autori: non sono mancate risate e confusioni registrate dai nostri impeccabili collaboratori.

L’affluenza del pubblico ha reso la giornata piacevole e rigenerante, in molti sono venuti a dare uno sguardo ai vari stand, libri di ogni genere hanno ammaliato e affascinato i visitatori e tra una pagina e l’altra si è chiusa la quarta edizione di Ricomincio dai Libri con la speranza che questa fiera possa crescere sempre di più e possa farsi conoscere da un pubblico sempre più vasto. Napoli può e ha voglia di imparare, la cultura sa come espandersi e il libro rimane sempre il miglior mezzo di comunicazione.

Giovanissima studentessa di Lettere Classiche dell'Università Federico II di Napoli, è appassionata di scrittura e danza classica. Diciannovenne, vive a Marigliano e crede nelle potenzialità che la sua terra ha da offrire.

Commenta