Sense8 si è concluso con un gran finale. Parigi e Napoli i luoghi scelti per lo speciale dedicato a tutti i fan che volevano un degno epilogo.

Sense8 ha rappresentato per la nostra regione una grande opportunità a livello internazionale.

Prima Positano poi il nostro capoluogo sono state location di alcuni dei momenti più significativi della storyline ideata da Lana e Lilly Wachowski. In occasione dello speciale Amor vincit omnia, in onda l’8 giugno, in serata al Bagno Elena di Posillipo è stato organizzato un evento promozionale con tanto di pizza, palloncini arcobaleno, camper di Van Damn e gadget della serie tv targata Netflix.

Gli attori di Sense8, infatti, e Gino Sorbillo a nostra insaputa si sono incontrati in autunno tra una ripresa e l’altra e hanno deciso di cucinare una pizza inserendo 8 gusti differenti. I nostri eroi hanno imparato ad impastare il lievito madre davanti ad un panorama spettacolare. Il video che li riprende assieme al pizzaiolo di fama internazionale, suggella l’amicizia.

Napoli, dopo Londra, Nairobi, Reykjavik, Berlino e Parigi.

Una capitale di cultura, storia e umanità. Valeria Bilello, che interpreta la regina della Camorra che collabora con la BPO, è una guida turistica fuori dal comune. Lei conduce i nostri senzienti attraverso via dei Tribunali, mostrando la parte più autentica e viva della città. Di grande impatto emotivo il momento del pranzo con la pizza, che a detta loro è l’unico pasto ideale prima di morire.

Lo slow-motion in stile Matrix ci viene riproposto davanti alla fontana della Sellaria. Infatti, li’ si svolge la corsa nella piazzetta del Grande Archivio con tanto di piccioni svolazzanti. Le scene più spericolate neanche a dirlo sono state girate al porto di Napoli e nel palazzo dello Spagnolo di via Vergini, nel rione Sanità, capolavoro barocco di Ferdinando Sanfelice.

Sebbene la romantica Parigi apra e chiuda il finale di Sense8, ricorderemo sempre il viaggio, con il panorama di Vico Equense, nella decapottabile scura con I feel you dei Depeche Mode come colonna sonora.

Amor (Napoli) vincit omnia.

 

 

Nasco a Napoli nel 1981 e cresco con la passione per le arti e con una curiosità viscerale del mondo, inculcatami sin da piccola dai miei genitori. Nel 2000 mi classifico al secondo posto nella sezione narrativa per il premio città di Salerno. . Iscritta al Circolo Letterario Anastasiano, ho pubblicato per il Verso Verde una poesia dal titolo ”Residui d’Irpinia”. Ho collaborato con il giornale Dream Magazine come fotoreporter per la mostra SEVEN, svoltasi a villa Vannucchi nel 2011. Laureata in lettere moderne, insegno, con gioia e pazienza, nella scuola media.

Commenta