ST/LL – La silenziosa e magnifica poesia di Takatani al teatro Politeama.

 

Come Spinoza lucidava una lente per vedere meglio il mondo, così oggi le nuove tecnologie ci permettono di catturare ogni più breve momento e di osservare ogni più piccolo dettaglio

Così Shiro Takatani descrive la sua ultima opera: ST/LL, andata in scena al teatro Politeama nella rassegna della nona edizione del Napoli Teatro Festival

Per palcoscenico l’acqua, per scenografia la luce, per testo il tempo. Lo sguardo e l’attenzione dello spettatore vengono continuamente stimolati al cambio di direzioni.  Sul palcoscenico i micro movimenti vengono ripresi e proiettati su un gigantesco schermo accompagnati da suoni ora dolci ora disturbanti. La composizione sonora è articolata sulle note del pianoforte intervallate da suono elettronico. Questa diventa uno tappeto sonoro che avvolge i performer e inonda la sala. Suono e immagine sono un gioco che decompone e ricompone nel cervello dello spettatore.

L’intera atmosfera richiama un tombale silenzio dove risuona il rumore dell’acqua “calpestata” dai performer. Il tempo pare rallentato, le luci impazzendo proiettano le increspature dell’acqua sul soffitto e sulle pareti del teatro.  Poi d’un tratto la frenesia di silhouette in una veloce danza di ombre. l’inudibile e l’invisibile producono i loro effetti sulla superficie dell’udibile e del visibile. Takatani con l’utilizzo dell’arte e delle tecnologie porta lo spettatore al difuori del tempo e dello spazio. Una dolcezza e una essenzialità che mostrano tutto senza dire pressoché nulla. Sarebbe difficile se non impossibile parlare di questa performance con parametri occidentali. takatani5Se è vero che il teatro è il “luogo della visione” qui il punto è capire con che risoluzione vogliamo vedere.

 

ST/LL è sicuramente una delle perle più pregiate di questa edizione del NTF che quest’anno si tiene dal 15 giugno al 15 luglio.

Spettacoli napoletani, europei, asiatici, africani, statunitensi, artisti riuniti da tutto il mondo per un mese di programmazione che andranno in scena non solo nei teatri partenopei, ma verranno disseminati in tutta la Campania.

Se non siete stati tra i fortunati ad assistervi ecco un video con alcuni estratti della performance:

Commenta