Strafàust di Massimo Maraviglia, Giovedì 6 aprile 2017, Teatro Elicantropo di Napoli. Il regista partenopeo porta in scena l’erede degenere di tutti i Faust che lo hanno preceduto, qui precipitato in uno squalificato eterno presente

Sarà in scena al Teatro Elicantropo di Napoli, da giovedì 6 aprile 2017 alle ore 21.00, Strafàust, il nuovo spettacolo scritto e diretto da Massimo Maraviglia, che vedrà interpreti in scena Giulia De Pascale, Massimo Finelli, Daniele Sannino, Giovanni Scotti.

Presentato da Cantieristupore, l’allestimento si avvale delle scene di Luca Serafino, i costumi di Patrizia Baldissara, le musiche di Canio Fidanza e Massimo Maraviglia.

Strafàust è una scrittura originale, che trova le sue radici ideative in quello che Jan Watt definisce in un suo noto saggio, uno dei miti dell’individualismo moderno: Faust. Più specificamente, il testo assimila la sostanza narrativa dall’omonima opera di Goethe e, in piccole parti, anche da quella omonima di Marlowe, dal Doctor Faustus di Mann e da Il Maestro e Margherita di Bulgakov. Strafàust, insomma, è l’erede degenere dei Faust che l’hanno preceduto.

A differenza dei suoi predecessori, pero, Strafàust ha già ottenuto e posseduto tutto. Nulla più ha da rivendicare o da desiderare, nessun patto, nessun limite di tempo, nessuna condizione argina la sua infinita possibilità, e, dunque, la sua insulsa libertà. Di qui l’interrogativo motore del testo: cosa accade, allora, quando nessun desiderio, nessun vincolo o necessità supporta una scelta?

 

 

Strafàust di Massimo Maraviglia

Napoli, Teatro Elicantropo – dal 6 al 9 aprile 2017

Inizio spettacoli ore 21.00 (dal giovedì al sabato), ore 18.00 (domenica)

Info e prenotazioni al 3491925942 (mattina), 081296640 (pomeriggio)

 

 

 

Terre di Campania è un progetto in continua evoluzione che si occupa di promuovere il buono e il bello della regione Campania attraverso la conoscenza e la diffusione di bellezze paesaggistiche e artistiche, di bontà culinarie, della cultura, di news, di eventi e azioni mirate sul territorio.

Commenta