Con Delitti per gioco, al via la notte dei barbuti a Sant’Apollonia, nel centro storico di Salerno. Si comincia giovedì 1 agosto.  

Nell’ambito della XXXIV edizione della rassegna estiva di teatro “Barbuti Festival”, al via “La notte dei Barbuti”, la mini rassegna parallela di 5 spettacoli con la direzione artistica di Brunella Caputo e l’organizzazione della Bottega San Lazzaro. Si comincia giovedì 1 agosto alle 21.30 nella chiesetta di Sant’Apollonia, in via San Benedetto, nel centro storico di Salerno, con “Delitti per gioco”, due quadri teatrali ispirati alle opere di Achille Campanile. Regia di Brunella Caputo (ingresso 10 euro).

Partendo dallo spunto registico di portare in scena il paradosso, Brunella Caputo affida ad undici attori il compito di attingere alla farsa ed alla freddura per restituire al pubblico quella che era la cifra stilistica dello stesso Campanile.  Il fine è di strizzare l’occhio ai luoghi comuni, di scherzare sul tema del delitto, della figura dell’assassino e di quella dell’assassinato. Per una volta “il pubblico non dovrà scoprire nessun colpevole ma sarà coinvolto nell’assaggio di una delizia culinaria”,come scrive la stessa regista nelle note di presentazione. Cosa c’entra tutto questo con il delitto? E’ la stessa Caputo a rispondere. “Per saperlo basta esserci, vi faremo assaggiare nel vero senso della parola, il sapore del delitto per gioco”. Ma se la parola in questo spettacolo ha un ruolo da protagonista non è da meno la coreografia ideata da Virna Prescenzo che ha curato anche il disegno luci e la selezione musicale.

A Sant’Apollonia con “Delitti per gioco” si potranno rivivere le storie di Olga (Mimma Virtuoso), Trigesimo (Renato Del Mastro), Fabrizio (Carlo Orilia), della Didascalia (Alfredo Micoloni), dello sconosciuto e John (Rocco Giannattasio), Brown (Augusto Landi), Mortimer (Matteo Amaturo), del dottor Dottore (Salvatore Albano), Margareth ed Eva (Teresa Di Florio), Cristina (Concita De Luca) e Filiberto (Andrea Bloise).

 

Commenta