Il Be Quiet con la nuova stagione al Piccolo Bellini. Giovedì 23 e venerdì 24 novembre le prime due puntate interamente dedicate alla musica cantautorale.

Scalda i motori, per il terzo anno consecutivo, la rassegna che il collettivo Be Quiet porta in scena al teatro Piccolo Bellini dopo i numerosi sold out e le richieste del pubblico. Inizia con un doppio appuntamento, giovedì 23 e venerdì 24 dalle ore 21, accendendo i riflettori sugli storici componenti del collettivo e la loro musica. Si riconfermeranno in questa nuova stagione i tipici e insostituibili ingredienti del Be Quiet: sorprese ed ironia. Sarà servita la musica, come al solito protagonista, e l’originalità degli spettacoli farà da contorno.

Giovedì 23 ad inaugurare la rassegna saranno i cantautori Nicola Dragotto e Luciano Labrano. Il primo aggiungerà al suo repertorio brani tratti dal recente disco “L’ultima causa”, in uno spettacolo che alternerà poesia in musica a dialoghi con il pubblico, mentre il secondo presenterà brani composti da ragazzo tra il 1978 e il 1985, basati prevalentemente su giochi di parole e assonanze linguistiche messe in musica con l’intento di creare contrasto tra un assoluto stile surreale e armonizzazioni classiche.

Giovedì 24 sarà la volta di Alfredo d’Ecclesiis, già frontman dei Bluesaddiruse, che in quest’occasione, spogliato dall’elettricità e dalla durezza della sua band, condurrà il pubblico in una dimensione più intima e mistica, e di Pierpaolo Iermano che presenterà il suo nuovo album “Bagnoli Babylon”.

Sergio Mario Ottaiano, classe ’93, Dottore in Lettere Moderne alla Facoltà di Lettere e Filosofia Federico II di Napoli. Musicista, giornalista, scrittore, Social Media Manager, Digital PR e Copywriter. Presidente del giornale Terre di Campania. Collabora per Music Coast To Coast, Fumettologica, BeQuietNight e MusicRaiser. Ha pubblicato svariati racconti e poesie in diverse antologie; pubblica con Genesi Editrice il romanzo dal titolo “Un’Ucronìa” Il 1/4/2014; pubblica con Rudis Edizione il saggio dal titolo “Che lingua parla il comics?” il 23/1/17.

Commenta