Il 29 aprile il progetto di valorizzazione delle valli del Miscano e del Cervaro fa tappa nell’unica comunità arbëreshë della Campania.

 Dopo il successo della due giorni di Casalbore, che ha visto la partecipazione di visitatori provenienti da tutta la Campania, sia ai laboratori di degustazione sia alla passeggiata urbana ed extra-urbana sul territorio, l’evento itinerante “I Cammini della Via Francigena del Sud”, fa tappa nel Comune di Greci, unica comunità arbëreshë della nostra regione. L’iniziativa si terrà domenica 29 aprile, a partire dalle ore 9,30, con la passeggiata di trekking urbano con partenza dal punto di incontro presso il piazzale antistante la Madonna del Caroseno e la visita al Centro storico con la Chiesa di San Bartolomeo, il Rione Breggo, Palazzo Lusi-Museo e Palazzo Caccese. Previsto anche un percorso alternativo con visita alla Mnemoteca e Palazzo Lusi. La passeggiata si concluderà a Palazzo Caccese, dove i convenuti potranno partecipare ad un laboratorio di degustazione guidata dedicato alla preparazione del “buke a ziar”, pan cotto con le verdure, piatto tipico della tradizione albanese.

A seguire sarà possibile visitare gli stand espositivi di aziende locali e assistere allo spettacolo musicale a cura del Gruppo Folk “Katundi Jone” che si esibirà in canti e balli anch’essi appartenenti alla tradizione albanese.

La tappa di Greci dell’evento itinerante “I Cammini della Via Francigena del Sud” offrirà l’occasione, infatti, per riscoprire le radici che legano la piccola comunità irpina alle sue origini. Tale singolarità è frutto di una particolare vicenda storica. Tra il 1461 e il 1464, il generale Skanderbeg, eroe nazionale d’Albania, si trovava in Italia con il suo esercito per aiutare Ferdinando d’Aragona nella lotta contro Giovanni d’Angiò. Il 14 agosto del 1461 nella battaglia di Orsara, in Puglia, i suoi uomini sconfissero gli Angioini e per ricompensa ebbero in dono le terre di Greci, dove chiamarono a vivere le loro famiglie. Da allora i discendenti di questa originaria comunità mantengono intatte le proprie tradizioni, a cominciare dalla parlata locale: una varietà antica del tosco, il dialetto tipico del Sud dell’Albania. Un patrimonio unico di storia e cultura che, il 29 aprile, potrà essere apprezzato da tutti i visitatori del borgo. La successiva tappa dell’evento “I Cammini della Via Francigena del Sud” sarà ospitata, presso il Comune di Montaguto, il giorno 1° maggio. Il progetto è promosso dal Comune di Casalbore e co-finanziato dalla Regione Campania nell’ambito del POC Campania 2014-2020 Linea Strategica 2.4 “Rigenerazione urbana, politiche per il turismo e cultura”.

Al termine dell’evento sarà possibile pranzare, con menù convenzionati, a cura dei Ristoranti Pizzeria Tajuri (per info e prenotazioni 3470534998) e DiVino Roberto (per info e prenotazioni 3927360870).

Tutte le info e il programma completo su: www.icamminidellaviafrancigena.it

Giovane dall’età indefinita, da oltre 10 anni nel mondo della comunicazione. Una Laurea, un Master, giornalista, scrittore, esperto di eno-gastronomia e della Campania, allenatore di Karate. E’ il creatore e direttore del Museo dei Castelli di Casalbore (AV), attività che gli ha valso il soprannome di “Signore dei Castelli”. Vincitore di vari premi nel mondo della pubblicità e della cultura. Testa proiettata nel futuro e piedi saldamente ancorati alla propria terra, il suo motto è “Si può fare!”.

Un pensiero riguardo “I Cammini della Via Francigena del Sud, si continua con la tappa di Greci

Commenta