Da mercoledì 27 febbraio 2019, Sala Assoli e Teatro Nuovo: Reality e Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni. La Compagnia Deflorian/Tagliarini a Napoli in un intenso progetto condiviso da Casa del Contemporaneo e Teatro Pubblico Campano, tra spettacoli, seminari e incontri

La Compagnia Deflorian/Tagliarini arriva a Napoli, da martedì 26 febbraio a domenica 3 marzo 2019, per un’intensa settimana di spettacoli, seminari e incontri, una ‘residenza artistica’ che prende vita da un progetto condiviso e promosso da Casa del Contemporaneo e Teatro Pubblico Campano.

Saranno due le opere sceniche che si alterneranno nelle sale di Montecalvario, a partire da Reality, dal 27 febbraio al 1 marzo in Sala Assoli, e Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni, sabato 2 e domenica 3 marzo al Teatro Nuovo.

Gli spazi della Sala Assoli ospiteranno, dal 28 febbraio al 2 marzo, un seminario a numero chiuso a cura di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini.

La filosofia di Reality – in cui s’incrociano i temi della realtà in un reality senza show – prende spunto dall’essere anonimi e unici, speciali e banali, avere il quotidiano come orizzonte: è racchiusa tutta qui l’esistenza di Janina Turek.

Questa donna polacca, per oltre cinquant’anni, ha annotato minuziosamente ‘i dati’ della sua vita. La mole incredibile di informazioni era racchiusa in 748 quaderni, trovati alla sua morte nel 2000 dalla figlia ignara ed esterrefatta.

Questi appunti sono stati rivisti dallo sguardo di Mariusz Szczygieł, nel reportage che ha dato a Daria Deflorian e Antonio Tagliarini la possibilità di scoprire la storia. Per Reality, la cui ideazione e performance vede impegnati Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, l’artista trentina ha vinto il premio Ubu 2012 come miglior attrice. 

Punto di partenza e sfondo di Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni, con Daria Deflorian, Monica Piseddu, Antonio Tagliarini e Valentino Villa, è una immagine forte, tratta dalle pagine iniziali del romanzo L’esattore dello scrittore greco Petros Markaris, scritto nel 2011.

Siamo nel pieno della crisi economica greca, quando vengono trovate le salme di quattro donne, pensionate, che si sono tolte volontariamente la vita.

Deflorian/Tagliarini hanno circoscritto il loro immaginario tra il momento in cui le donne prendono i sonniferi e quello in cui, una ad una, lasciano la vita nell’immacolato e piccolo appartamento di periferia.

L’intensa settimana di appuntamenti prenderà il via oggi, martedì 26 febbraio alle ore 18,30, negli spazi dell’Asilo (Sala Teatro, via Giuseppe Maffei, 4), dove si terrà l’incontro Deflorian/Tagliarini: Evocare l’invisibile, moderato da Francesca Saturninoe Rosalba Ruggeri.

Sono previste agevolazioni sul costo dei biglietti per chi deciderà di assistere ad entrambi gli spettacoli.


Commenta