7 maggio 2016 live@ Scugnizzo Liberato Salita Pontecorvo 46 Napoli

“Come2Mex”, questo il nome del tour con cui Ilaria Graziano e Francesco Forni stanno attraversando l’Europa in formazione a quattro, con Carmine Iuvone (Bottega Glitzer, Lo Spinoso, Marina Rei) contrabasso e violoncello e Alessandro Chimienti (Mannarino, Bonvino) chitarra e banjo. Durante quest’ultimo tour , Graziano e Forni presentano una serie di brani in versione rivisitata e anticipano l’uscita di un EP contenente canzoni fino ad oggi presenti solo nelle stampe estere dei loro dischi. L’appuntamento a Napoli è per sabato 7 maggio allo Scugnizzo Liberato, in occasione del penultimo appuntamento con diRotta su NaDir, rassegna di concerti primaverili organizzata dal NaDir Collective in vista del festival estivo (Na/Dir-Napoli Direzione Opposta Festival, 23,24 e 25 giugno) che nella sua prima edizione aveva visto proprio Ilaria e Francesco in versione duo, fra i protagonisti.

Già attivi individualmente da tempo con diversi progetti, soprattutto nel mondo delle colonne sonore (diverse sono infatti le musiche per produzioni teatrali firmate da Forni, mentre Graziano figura al fianco della compositrice Yoko Kanno, nelle soundtrack di alcuni fra gli anime più osannati), iniziano a collaborare nel 2012. Questo sodalizio li ha portati ad affermarsi come una delle realtà folk più apprezzate degli ultimi anni: “From Bedlame to Lenane” (2012) e “Come 2 me”(2013), viaggiando fra blues, folk, swing, chansonne francese e folk centro e sudamericano, hanno ricevuto il plauso dei più importanti settori della critica musicale e conquistato il pubblico italiano e internazionale, portando i due a pubblicare il primo disco e a macinare date in tutta Europa.

Dopo aver esordito a Roma ed essere passato per la Francia, “Come2Mex” sbarca a Napoli per una serata imperdibile nella cornice dell’ex carcere Filangieri, da alcuni mesi rinominato Scugnizzo Liberato da un gruppo di cittadini e attivisti, fra cui figurano la Rete Scacco Matto e il NaDir Collective, che ne sta curando la riqualificazione e la trasformazione in uno spazio di socialità e cultura.

 

 

Commenta