Presentano Lanificio25 & Ufficio K, Sabato 23 aprile 2016 – Opening h 20.30, Ingresso 7 € con tessera gratuita

Lui, disperso in mezzo al mare. Lei, in attesa di un suo ritorno sulla terraferma. E’ questo “Die”, la storia dei pensieri che attraversano le menti di un uomo ed una donna, sotto il sole cocente di mezzogiorno: due che s’incontrano, anche se metaforicamente e per un solo istante, nell’idea della morte. Un concept album, quello del sardo Jacopo Incani, che, non appena pubblicato nel marzo del 2015, è stato acclamato dalla critica come uno dei dischi italiani più belli degli ultimi anni: rispetto all’opera prima, “La Macarena su Roma” del 2010, dai tratti marcatamente sociali, nel secondo lavoro, invece, una scrittura mai didascalica lascia spazio alla descrizione di vere e proprie suggestioni, mentre arrangiamenti quasi ‘stratificati’ – completi di piano, fiati e strumenti percussivi, campionati e non – dipingono vividi i paesaggi di una Sardegna immaginaria. Il Lanificio 25, dunque, si prepara ad ospitare l’atteso concerto di uno tra gli artisti più apprezzati del panorama indipendente: sabato 23 aprile, infatti, arriverà finalmente a Napoli “Mandria” tour, il progetto che ha portato IOSONOUNCANE a girare in lungo e in largo con la sua formazione al completo. In apertura, la performance di Francesco Serra, in arte Trees of Mint, e, a seguire, la selezione musicale di Mr Ror.

IOSONOUNCANE è sardo, nato nel 1983, residente a Bologna da 8 anni. Ha fatto parte degli Adharma dal 2000 al 2008, pubblicando nel 2005, per Jestrai, l’EP “Risvegli”: la band si è sciolta nel 2008, lasciando inedito l’album “Mano ai pulsanti”, violento concept sul medium televisivo. Il progetto IOSONOUNCANE è nato nel gennaio 2008 quando, disoccupato da appena un mese, grazie all’assegno dell’Inps compra un campionatore e una loopmachine, senza sapere bene cosa fossero. A fine maggio 2008 trova lavoro in un callcenter: nello stesso periodo nasce il nome del progetto e tutti i frammenti registrati e gli appunti presi nel frattempo iniziano a prender forma di canzoni. Nel dicembre 2008 rende disponibile tutto questo, tramite myspace, sotto forma di “Primo Pacchetto Tematico Gratuito”. A fine gennaio 2009 realizza il primo concerto. Dopo due anni di callcenter pieni di “buongiorno, sono Jacopo, in che cosa posso esserle utile?” e decine di concerti/comizio raggiunti in treno (non ha la patente), il 31 giugno 2010 si licenzia. Cinque giorni dopo entra in studio e registra il proprio album d’esordio: “La Macarena su Roma”. L’album riassume i primi due anni di vita del progetto, che si chiude programmaticamente col proprio licenziamento dal call-center, in una drammatica/eroica sovrapposizione di vita e opera. Nel giugno 2012 pubblica un singolo estivo chiamato “Le sirene di luglio”. Dopo tre anni di silenzio e quattro di lavoro intenso sul nuovo materiale, il 30 marzo 2015 esce il suo secondo disco, “DIE”. In questi quattro anni Iosonouncane si è inoltre dedicato alla realizzazione del sonoro di due spettacoli teatrali (“Tomato Soap” e “YOU)” del duo Manimotò e alla produzione artistica di “Sotto Assedio”, ultimo EP di Dino Fumaretto.

 

Pagina Facebook

Sito internet

SUL PALCO:

Jacopo Incani – voce, chitarra, elettronica

Serena Locci – cori e percussioni

Andrea Rovacchi – tastiere e synth

Francesco Bolognini – elettronica

Simone Cavina – percussioni

Commenta