Presenta La Rivolta Venerdì 8 aprile 2016 – Inizio cena h 21:00/ spettacolo h 22:30 Ingresso 20 € (cena e spettacolo); 7 € (solo spettacolo)

Uno spettacolo, in bilico tra musica e teatro, attende il pubblico de La Rivolta per il suo secondo appuntamento: venerdì 8 aprile, infatti, sarà la volta del cantautore napoletano Maldestro, un giovane poeta che, come un bambino o un illusionista, scruta, tra le pieghe più nascoste della realtà, una bellezza che per mano di altri faticherebbe a venir fuori. Ma la poesia è anche violenza, tormento, veicolo di una verità, non assoluta, nella quale, però, in tanti si possono riconoscere: ad essere sublimati, in questo caso, sono le contraddizioni di una Napoli altra, che in un valzer impietoso di liriche accattivanti quanto amare si fa specchio della società contemporanea, tutta. E se a raccontare l’umanità è una voce suadente e viscerale, il messaggio si arricchisce di una forza espressiva dirompente: un canto, tra l’altro, che sarebbe sacrilegio educare, addomesticare, e che, grazie al puro istinto, quasi sazia la sua urgenza, un’irriducibile necessità di comunicare. Inclinazione all’arte, quella di Antonio Prestieri, confermata dalla sua parallela esperienza di attore e scrittore teatrale, la cui eredità diventa, nella musica, cifra stilistica delle sue capacità compositive e performative. Non stupisce, quindi, che tra il 2013 ed il 2014 abbia fatto man bassa di premi (Ciampi, De André, SIAE, AFI e Musicultura) con il brano “Sopra al tetto del Comune”; e che sia arrivato, inoltre, tra i finalisti in gara per la prestigiosa Targa Tenco 2015 – categoria, migliore opera prima –, grazie al fortunato album “Non trovo le parole” (aprile 2015).

Un concerto, quello di Maldestro, da ascoltare con occhi e cuore aperti. E per l’occasione, dunque, lo spazio de La Rivolta a Striano, una masseria immersa nella natura, vero scorcio di paradiso, si farà meta ideale per chi dal caos cittadino non desidera altro che evadere. Sarà possibile, in più, gustare i prodotti genuini del posto, meglio definiti “a chilometro zero”, che metteranno d’accordo tutti, palati sopraffini e non solo. Prima e dopo la performance, non mancherà, inoltre, la trascinante selezione Rock’n’roll di Gianni Rallo, noto dj napoletano. Ingresso 20 euro (cena e spettacolo), 7 euro (solo spettacolo). Gradita la prenotazione.  

 

Biografia

Maldestro, nome d’arte di Antonio Prestieri, ha trenta anni, napoletano, scrive, canta e suona le sue canzoni. Il suo primo album “Non trovo le parole”, uscito il 14 aprile 2015, contiene versi che, pur sviluppandosi nella forma tipica della ballata, raccontano l’amore, la rabbia, la speranza, il disagio e la disperata voglia di vivere di un giovane poeta dei nostri tempi.

Maldestro è stato il cantautore rivelazione del 2013 con il brano “Sopra al tetto del Comune”, storia di un operaio licenziato che cerca soluzione ai suoi problemi arrampicandosi sul municipio. La canzone, inviata quasi per scommessa ai più importanti Premi musicali italiani, ne ha fatto man bassa (Premio Ciampi, Premio De André, SIAE, AFI e Musicultura 2014).

Maldestro si avvicina al pianoforte a nove anni, lasciato poi per approfondire gli studi di teatro. Ma la musica è una passione che gli rinasce, come sfogo di una creatività effervescente e come contrapposizione ad una vita non proprio lineare. Imbraccia la chitarra e libera le proprie liriche, di una profondità e di una poesia rare in una generazione cresciuta a suon di talent show, di cui egli è l’esatto contrario; tanto la superficialità e l’estetica prevalgono nei primi, tanto il messaggio, la concretezza, la visione lucida ma piena di vita fanno da perno alla sua musica. Maldestro nel 2015 è stato finalista al Premio Tenco e scelto come testimonial dalla Ass.ne Bambini senza Sbarre.
Sito ufficiale
Pagina Facebook

Commenta