Il 6 settembre alle ore 21:30, presso Green Paradise  via Marconi (lato RAI), Napoli, ci sarà lo showcase di Metalli in full band

Dopo aver debuttato con il singolo “Malavia” alla Fiera della Musica DiscoDays, al Napoli Bike Festival e alla Festa della Musica di Pompei, Metalli presenta in esclusiva live i brani che compongono l’album omonimo che uscirà a il 26 settembre per la neonata label partenopea Enjoy All Music.

La band è formata da 
– Enzo Metalli, voce e chitarra acustica
– Paolo Del Vecchio, chitarra elettricha e plettri
– Ivan del Vecchio, chitarra acustica e plettri
– Ivan Lacagnina, batteria e percussioni  
– Alessandro di Porzio, basso
– Luca Urciuolo, tastiera e fisarmonica



Il cantautore napoletano Enzo Metalli ha da poco rilasciato il primo video-singolo che da anche il titolo al suodebutto discografico prodotto artisticamente, e arrangiato, da Paolo Del Vecchio chitarrista di Peppe Barra e Maldestro.

Con la regia di Michele “welikethefish” Pesce a maggio è stato pubblicato il primo video del brano omonimo “Malavia” che potete guardare e ascoltare sul canale Youtube ufficiale 

 
Il primo lavoro discografico di Enzo METALLI gode della produzione esecutiva di Ludovico Caifasso e, oltre alla produzione artistica e degli arrangiamenti di Paolo Del Vecchio, è stato suonato da grandi musicisti della neapolitan-power:  Ernesto Vitolo all’hammond e piano rhodes (Napoli Centrale/Pino Daniele), Sasà Pelosi al basso elettrico ed acustico (Peppe Barra). Le registrazioni e missaggi sono curati da Silvio “Dr. Hope” Speranza mentre il mastering da Giovanni “Blob” Roma.
“Malavia” è un lavoro discografico che invita al riscatto sociale, specie per coloro che non ce l’hanno fatta. Una volta toccato il fondo non resta che risalire anche se il percorso fatto durante la propria esistenza è stato, appunto, una malavia (cattiva strada).
La voce di Metalli richiama immediatamente alle sonorità blues metropolitano della Napoli anni 80 con contaminazioni etno-rock. La sua è una voce profonda, roca, malandata e racconta la sofferenza di chi vive nella speranza per un futuro migliore.


Commenta