Sabato 1 luglio 2017 ore 18,30, Casa del Popolo, piazza Dante 52, Napoli. Presentazione del libro “Il centro si guarda meglio dalla periferia”, raccolta di saggi a cura di Mimmo Oliva Edito da Polis Sa Edizioni

Il giorno 1 luglio alle ore 18:30 presso “La casa del Popolo” di Piazza Dante 52 a Napoli si terrà la Presentazione del libro “Il centro si guarda meglio dalla periferia”, raccolta di saggi a cura di Mimmo Oliva, (pubblicato da Polis Sa Edizioni) della collana letteraria “Sguardi”. L’incontro è promosso dall’Istituto Galante Oliva e dalla Casa del Popolo.

Il volume punta a offrire una prospettiva diversa da cui guardare ciò che ci sta intorno e ciò che intorno a noi accade, una prospettiva dalla quale immaginare un nuovo approccio alla realtà stessa. È per questo che gli autori hanno messo nero su bianco la parola\concetto “periferia”, declinandola ciascuno dalla propria dimensione esistenziale.

Ne viene fuori un lavoro intrigante e non di rado provocatorio. Come solo un’antologia apripista poteva essere. Perché provocatorio, destabilizzante e di certo stimolante è il fulcro del dibattito che si intende alimentare: la periferia non è e non è solo quella geografica. Periferia è concetto che va dalla dimensione urbanistica a quella socio-culturale, dalla visione storico-evoluzionistica e quella antropica.

Il volume è composto da 9 saggi, tutti con diverse tematiche. Oltre al saggio di Mimmo Oliva che da il la per l’intera raccolta, gli altri autori sono Giancarlo Di Serio (Periferie e pubblica amministrazione), Galante Teo Oliva (Periferie e Chiesa), Francesco Santoriello (Periferie ed integrazione), Patrizia Sereno (Periferie e scuola), Imma Della Corte (Periferie 2.0), Carmine Vitale (Periferie e Sogni), Francesco Saverio Minardi (Periferie, Mobilità e Territorio), Michele Grimaldi (Periferie e Politica).

Sarà presente all’incontro Giuseppe Sgrò, segretario del circolo cittadino di Rifondazione Comunista (Napoli), Luigi Felaco, Consigliere Comunale di Napoli e Antonio Prisco del comitato Possibile Napoli “Gennaro Capuozzo”. Degli autori dell’antologia interverranno Francesco Santoriello, Francesco Saverio Minardi e Michele Grimaldi. Saranno presenti Mimmo Oliva (Portavoce Polis SA) e Francesco Paciello (Polis SA Napoli).

“Se non volete che la vostra vita scorra monotona, grigia e vuota, fate che essa sia illuminata dalla luce di una grande e nobile idea”. Giuseppe Ottaiano ha fatto proprio il monito che Sandro Pertini, allora Presidente della Repubblica, nel 1978 lanciò agli italiani nel Messaggio di fine anno.
La sua idea? Raccontare il bello e il buono della Campania, attraversando i territori meno noti della regione e battendo le strade meno frequentate. Seguendo la propria idea, più di cinque anni fa ha cominciato a percorrere quella che viene definita il cuore verde della Campania, l’Irpinia, scoprendo paesaggi e culture che nulla hanno da invidiare ad altre zone d’Italia.
L’Irpinia, nei secoli, è stata terra di passaggio e di migrazioni di popolazioni. Terra di Mezzo, viene denominata, per significare la rete di tratturi, di strade romane e medievali su cui hanno transitato, per recarsi in Puglia, pastori transumanti ed eserciti, pellegrini e viaggiatori. Testimoni di questa plurisecolare frequentazione sono borghi e centri storici arroccati sulle colline irpine. Fino ad oggi, Giuseppe Ottaiano ha incontrato, visitato e conosciuto 89 di questi borghi. La suggestione delle antiche pietre ha condotto Ottaiano, viaggiatore per scelta e passione, a realizzare un reportage fotografico che attualmente rappresenta un patrimonio documentale della terra d’Irpinia.
Creativo da sempre, amministratore dell’agenzia di comunicazione Sema, Giuseppe Ottaiano appassionato di disegno e fotografia è impegnato nella realizzazione di progetti personali e istituzionali, sempre volti alla valorizzazione del territorio.

In ambito fotografico ha realizzato le seguenti esposizioni itineranti:
“Immagini come appunti di viaggio – Castelli e Fortificazioni in provincia di Avellino”;
“Immagini come appunti di viaggio – Irpinia, terra di sorgenti”;
“Immagini come appunti di viaggio – Irpinia, terra di gusto”.
“Immagini come appunti di viaggio – Irpinia, terra di fede”.

Inoltre è autore o co-autore delle seguenti pubblicazioni:
Sapori Napoletani – Rogiosi Editore;
Campania un mare di foreste, Guida alle foreste demaniali della regione Campania – Assessorato Agricoltura Regione Campania;
Immagini come appunti di viaggio, castelli e fortificazioni in provincia di Avellino – EPT Avellino;
Irpinia, terra di Castelli – Camera di Commercio di Avellino;
Coltiviamo bellezze, guida alla floricoltura in provincia di Napoli – Coldiretti Napoli.

Ha fornito, inoltre, le immagini fotografiche utilizzate per la guida Itinerari-Irpinia – Touring Editore – Slow Food Editore

Ha ideato il percorso museale dedicato ai castelli e alle fortificazioni in provincia di Avellino, nella Torre Normanna di Casalbore
Ha ideato il Network Terre di Campania

Ha partecipato, in qualità di docente-esperto relatore, a corsi di formazione sulla pubblicità, sul marketing territoriale e sull’ospitalità a convegni e incontri.

Commenta