A due anni da Sanremo l’artista pugliese Serena Brancale presenta anche a Cava il nuovo progetto “SoulA” tra soul, jazz, R’n’b e pop italiano, venerdì 16 marzo il live di Serena Brancale al Marte.

Prende forma il cartellone di eventi collaterali che si affianca alla quarta Grande Mostra in programma al Marte Mediateca Arte Eventi di Cava de’ Tirreni Andy Warhol pop revolution (fino al 18 giugno 2018).

Dopo le prime visite teatralizzate di successo e gli happening con i più piccoli invitati a partecipare ai numerosi laboratori, scocca l’ora della musica. Venerdì 16 marzo il polo culturale metelliano spalanca le porte al concerto di un’artista eclettica, vulcanica, creativa: Serena Brancale.

Dotata di una voce versatile, che attraversa tutti i generi, dal soul al pop, dal funk al jazz, dall’ R’n’B ai più moderni suoni dell’elettronica, l’inclinazione dell’artista pugliese è principalmente quella di “manipolare” i confini sonori con grande disinvoltura. Dopo l’uscita dell’album “Galleggiare” e la performance al Festival di Sanremo 2015 tra le giovani proposte, la passione famelica per la musica conduce la Brancale verso un progetto più elettronico, “SoulA. Questo il titolo del nuovo album in uscita in primavera e anche del live in programma al Marte. Dal vivo, un viaggio nella musica contaminata dai generi più svariati e dalla mescolanza di etnie. Voce, tastiera, batteria elettronica, la Brancale non è semplicemente una cantante ma una musicista a tutto tondo.

L’appuntamento con la musica sarà anche l’occasione per tuffarsi nel magico mondo dell’arte e respirare a pieni polmoni la genialità di uno dei più influenti artisti del XX secolo a cui quest’anno il Marte rende omaggio: Andy Warhol pop revolution. Questo il titolo della mostra con quarantasei opere, dai ritratti di Marilyn Monroe e Mao Tse Tung, a quelli di altri personaggi famosi, passando per i Flowers e le Campbell’s Soup, gli oggetti firmati, gli acetati originali e le copertine dei dischi. Tra queste trovano spazio anche le sperimentazioni digitali dell’artista, inedite opere prodotte grazie all’uso del software Graficraft dell’Amiga 1000, il primo personal computer multimediale che trent’anni fa scelse Andy Warhol come testimonial d’eccezione chiamandolo a realizzare un’opera al Lincoln Center di New York.

Il concerto avrà inizio alle 21; il costo del biglietto è di 15 euro. Con lo stesso tagliando sarà possibile visitare anche la mostra Andy Warhol pop revolution.

Nel frattempo il Marte Mediateca Arte Eventi archivia un week end da record: oltre 300 i visitatori che, sommati ai precedenti, totalizzano già oltre 2mila visitatori nel primo mese di esposizione.

Realizzata in collaborazione con la galleria Deodato Arte, da cui proviene l’intero corpus di opere in mostra, Andy Warhol pop revolution gode del patrocinio del Consiglio Regionale della Campania, della Provincia di Salerno del Comune di Cava de’ Tirreni, e del Matronato della Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee volto al riconoscimento, alla valutazione e alla diffusione della conoscenza di progetti meritevoli di considerazione a causa del loro valore e della qualità culturale o artistica. Vanta inoltre, tra i partner, BNL per Telethon, nonché la Fondazione Sinapsi, l’Associazione C’è cultura su Marte e MusEolo.

 

Terre di Campania è un progetto in continua evoluzione che si occupa di promuovere il buono e il bello della regione Campania attraverso la conoscenza e la diffusione di bellezze paesaggistiche e artistiche, di bontà culinarie, della cultura, di news, di eventi e azioni mirate sul territorio.

Un pensiero riguardo “Serena Brancale: il leve al Marte dopo due anni da Sanremo

Commenta