Vinicio Capossela è l’ideatore del Sottaterra (Sponz Fest) festival gratuito che si terrà dal 19 al 25 agosto in Alta Irpinia.

Sponz Fest è un festival in continuo movimento, con ospiti confermati ma con eventi in costante aggiornamento. Il Festival è una lotta pacifica contro il bullismo mediatico, l’individualismo sfrenato, la mancanza di empatia: le pesti contemporanee. Il compito dell’evento è riprendere la memoria collettiva dal sottosuolo, la rigenerazione sociale, ritrovare le radici.

 

Alternando escursioni, musica, cibo e ospiti, Sottaterra stuzzicherà le menti con importanti riflessioni, nate dalla mente di molti ospiti del festival. Ideato da Vinicio Capossela, Sponz Fest – Sottaterra è giunto alla sua settima edizione. Si svolgerà in Alta Irpinia, e si dividerà in tre percorsi geograficamente dislocati: Sponz Fest è il festival generale, diffuso a Calitri e nei centri limitrofi; Trenodìa, progetto d’arte pubblica di Matera capitale europea della Cultura 2019, curato dallo stesso Capossela e Mariangela Capossela e che si svolgerà tra Calabria, Campania e Basilicata; lo Sponz Pest, che consiste in tre serate musicali al Vallone Cupo di Calitri dal 22 al 24 agosto.

Sponz fest si svolgerà dal 19 al 25 agosto in Alta Irpinia: Calitri è il centro principale, ma anche i comuni di Lacedonia, Sant’Angelo dei Lombardi, Villamaina, Senerchia, Cairano. In particolare, Calitri è capitale europea della cultura nel solo giorno del 24 agosto. Come da tradizione, Sponz Fest inizierà con un concerto all’alba, presentato da Capossela e l’archeologa Flaminia Cruciani, che illustreranno i temi del festival. Sponz Fest è caratterizzato da escursioni, in particolare nelle grotte, nei vicoli e nell’oasi protetta “Valle della Caccia”; da orazioni civili di Elio Germano; dalla musica dei Mariachi Tres Rosas e del duo Pappos e Mistakidis, il quale tratterà dell’Amanes, cioè il lamento dall’oriente; dal cibo tipico degli gnocchi paesani, i cingoli, e del baccalà; dai pranzi comunitari e dal cinema all’aperto.

Lo Sponz Pest, come nei tempi di peste in cui il lazzaretto si trovava fuori le mura della città, è ubicato sulla collina di Gagliano, nella contrada Vallone cupo. Dalle pestilenze contemporanee ci si difenderà con le armi donate dai tre concerti, che si svolgeranno dal 22 al 24 agosto. Il 22 agosto Enzo Avitabile e i bottari rappresenteranno “A pest: Pattuglia di pastellesca preceduta da processione a passo della morte”. Il concerto celebrerà la peste, la cura, il suo esorcismo. Assieme al gruppo ci sarà Ntò, storico ex membro dei Co’ Sang. Il 23 agosto è il momento di “A’ mascarata. Trap, Pest e altre Dannazioni” con Morgan, Young Signorino, Ntò, Livio Cori e Neri Marcorè. Il 24 agosto Vinicio Capossela darà un concerto di chiusura al percorso Sponz Pest.

Trenodìa è, invece, un corteo in forma d’arte che abbraccerà tutte le tappe del Sottaterra – Sponz Fest. Attenzione particolare verrà data al cibo, con momenti di pranzo e cena collettivi nel centro storico di Calitri, a tema “tra carnevali e ceneri”. Trenodia è un pianto collettivo e rigenerante, che coinvolgerà anche la Calabria e la Basilicata. Trenodìa inizia con la stazione preparatoria dell’”opificio del nero”, performance in cui si intingerà nel nero il tessuto usato nel corteo. Quest’ultimo è fatto di melodia, poesia e gestualità. Trenodìa si svolge in due modalità: Trenodia sul selciato (corteo nei paesi) e sulla terra (corteo nelle campagne).

Maggiori informazioni sul sito www.trenodia.it

 

Vinicio Capossela, cantautore ed ideatore del festival Sponz Fest.

Commenta