Domenica 7 ottobre al Mann la presentazione del libro Vico esclamativo, voci dal rione Sanità e della nuova casa editrice Edizioni San Gennaro

In libreria dal 5 ottobre, Vico Esclamativo di Chiara Nocchetti è il primo titolo della collana Le pietre scartate, edita dalla neonata casa editrice Edizoni San Gennaro, fondata  in un quartiere che negli ultimi anni ha dimostrato di essere come un’araba fenice, l’uccello mitologico capace di rinascere dalle proprie stesse ceneri.

Il libro sarà presentato ufficialmente domenica 7 ottobre alle 12.00, nel giardino del Museo Archeologico Nazionale di Napoli. L’evento, ad ingresso gratuito, sarà accompagnato da interventi musicali a cura dell’orchestra giovanile Sanitansemble e da letture dei brani a cura dei ragazzi del Nuovo Teatro Sanità. Interverranno, oltre all’autrice Chiara Nocchetti,  Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud, Edgar Colonnese, direttore editoriale di Edizioni san Gennaro, Paolo Giulierin, direttore del museo archeologico nazionale, Antonio Loffredo, parroco del rione Sanità Adolfo Russo, vicario episcopale per la cultura e Paolo Verri, direttore Matera 2019 e, in qualità di moderatore Ottavio Ragone, caporedattore de La Repubblica Napoli.

Le Edizioni san Gennaro rappresentano un nuovo strumento al servizio della comunità, un nuovo canale attraverso cui diffondere bellezza, storia e tradizioni, uno spazio aperto in cui le giovani risorse saranno affiancate da professionisti del mondo editoriale in un più ampio percorso che comprende sia un approccio tradizionale, dell’editoria cartacea, sia un approccio transmediale. Il progetto editoriale si articola in sei collane che proporranno libri di Saggistica, biografia e memorie; Fotografia; Repȇchage di autori del passato in formato tascabile; Guide storico artistiche; Narrativa; Libri per ragazzi. La fondazione di una casa editrice nel rione Sanità rappresenta un completamento, un tassello aggiuntivo di un lungo percorso di rinascita, valorizzazione culturale e sviluppo sociale, avviato ormai da diversi anni da don Antonio Loffredo e partito con l’apertura al pubblico delle catacombe di San Gaudioso e San Gennaro, tra il 2006 e il 2008. La storia delle catacombe e del costante impegno di promozione culturale, sociale, comunitaria in uno dei quartieri più complessi e affascinanti di Napoli, è ben nota. Ciò che mancava, però, era qualcuno che raccontasse questo straordinario percorso di rinascita collettiva, di ri-costruzione dal basso, da un punto di vista diverso: quello delle persone che ne rappresentano i veri protagonisti, gli archi da cui sono state scoccate le frecce del cambiamento, che hanno innescato una vera e propria rivoluzione fatta con le armi della bellezza, dell’amore, della solidarietà. Ed è proprio questo l’intento di Chiara Nocchetti che in Vico esclamativo, ci accompagna in punta di piedi nelle arterie del rione, ci fa entrare in silenzio nei cuori delle persone che hanno scelto di restare alla Sanità per cercare in ogni modo di renderlo un posto migliore, un posto pieno di luce, quella luce che sa riconoscere solo chi è stato a lungo nelle tenebre.

Il libro raccoglie 25 storie raccontate in prima persona che sono state pubblicate, settimana dopo settimana, sulla pagina Facebook e sul sito delle Catacombe di Napoli, fino a raggiungere due milioni e mezzo di lettori. Venticinque voci diverse che s’intrecciano e si scoprono simili, incredibilmente vicine, complementari le une alle altre. Perchè, come dice Antonio D. all’inizio del suo racconto, “Non ti salvi da solo”. Il fil rouge che unisce tutte le storie è un fortissimo senso di speranza, che traspare da ogni pagina: c’è sempre la possibilità di ricominciare, di rialzarsi, accettando le proprie debolezze e imparando ad amare se stessi, gli altri, la propria terra. Le pietre scartate, come indica il titolo della collana, sono diventate, alla Sanità, i tasselli fondamentali di un meraviglioso mosaico, in cui ognuno dona una parte di se stesso, delle proprie energie e del proprio talento, per costruire, insieme agli altri, una realtà nuova. La storia delle catacombe di San Gennaro dimostra che soltanto in questo modo, partendo dall’amore per la bellezza, per la cultura, soltanto investendo nel sociale, recuperando le pietre di scarto e rendendole essenziali, è possibile credere in un concreto percorso di sviluppo territoriale.

Questo libro è nato da un desiderio: quello di tessere un lungo filo che incrociasse le storie di chi, ogni giorno, haa scelto di vivere questi luoghi e di trasformarli per provare a raccontare cosa si nasconde dietro un volto, uno sguardo, una stretta di mano. Un percorso lungo, doloroso, tenero e incredibilmente emozionante, una strada accidentata che si snoda delicatamente nel territorio più fragile di tutti: quello delle vite degli altri.

Leggere Vico Esclamativo significa lasciarsi coinvolgere in un cammino estremamente emozionante, delicato, doloroso, che porterà il lettore ad immergersi nelle vite dei figli di questa terra, e a guardarla con occhi pieni di meraviglia. La copertina, a cura di Creativi Tee- Shirt, mostra lo scorcio di un vicolo, visto attraverso un punto esclamativo, che sancisce lo stupore che si prova camminando fra le strade del rione Sanità, nello scoprire la straordinaria ricchezza del patrimonio culturale, storico, artistico e umano che risplende in questo luogo.

Sembrerà a tratti di camminare fra le macerie del cuore di qualcuno, a tratti di fare un salto nel vuoto: quel salto che è necessario ogni volta che si decide di invertire la rotta, di trasformare la propria vita per seguire un sogno che non è mai semplicemente un sogno individuale, ma un progetto coltivato insieme agli altri e per gli altri con la forza dell’amore. Quell’amore che, come dice Antonio Loffredo, redime perché indica la via della rinascita, il coraggio di ricusare ciò che distrugge per esaltare ciò che libera.

Un pensiero riguardo ““Vico esclamativo, voci dal rione Sanità” di Chiara Nocchetti, primo titolo di Edizioni San Gennaro

Commenta