Dal 7 al 9 settembre a Somma Vesuviana si terrà la XXVIII edizione del Palio Cittadino. Il tema sarà “Bella Terra di Somma

Un richiamo dal sapore antico, i Giochi della tradizione tra otto Rioni Storici della Città, la Rievocazione angioina del Magister Nundinarum, la comunità in festa.

Il Palio è oggi è una manifestazione popolare che porta in sé i segni di una comunità e di un territorio, la sua storia, un “rinvenire” di valori e tradizioni, di forme e modi di una ritualità contadina, conservati nella memoria di un passato culturalmente vivo, oggi ritrovato e riletto mediante il ricorso ad una molteplicità di linguaggi.

Due medaglie di riconoscimento della Presidenza della Repubblica, numerosi i patrocini negli anni, dalla Commissione Europea e da numerosi Enti e Istituzioni nazionali e regionali. Il Palio è stato inserito in un progetto europeo Erasmus+Sport nel 2017, con i giochi di strada di tre nazioni, “Street Motion and Emotion”, insieme all’Università di Spalato ( Croazia) e ad una importante Associazione Sportiva di Glasgow in Scozia.

Ventotto edizioni conta oggi il Palio e ventotto sono i temi che hanno scandito e narrato il ritmo annuale del Palio a settembre. Un impegno e un lavoro di tanti cittadini mantenuto ogni anno.

La bella Terra di Somma. Il titolo nasce da un antico scritto del 1586 ad opera di Scipione Mazzella, il quale descrive in poche suggestive parole la particolarità geografica di Somma, anticamente molto più estesa: da una parte le campagne e dall’altra il mare.

Bellezza e Memoria. Raccontare la bellezza della nostra terra come un motore rigenerativo, ri-coniugarla al formidabile patrimonio di creatività, di memoria e alla sua storia. Ogni territorio si esprime con il linguaggio del proprio genius loci, interazione di luogo e identità. Riscoprire e risvegliare l’amore per questa terra e la consapevolezza del valore della sua bellezza è l’obiettivo della XXVIII edizione del Palio di Somma. ll viaggio alla scoperta della bellezza della nostra storia non deve fermarsi mai

Perché non c’è niente come la bellezza in grado di attraversare i secoli, smuovere le coscienze, parlare un linguaggio universale nel tempo e nello spazio. La Bellezza come strumento comunicativo, aggregativi e di cambiamento per un nuovo rinascimento culturale. Trovare il coraggio cominciando a essere più profondi e meno superficiali.

Riscoprire il binomio Bellezza e bontà che secondo gli antichi filosofi dell’età classica era la più alta forma dell’intelligenza. Bello e buono possono ancora essere sinonimi e obiettivo dell’uomo moderno.

 

Programma

Venerdì 7 settembre dall’ora 18.00: Inizia la Festa

Mettiamoci in gioco. Giochi di strada in piazza per tutti

Musica, Street-food e Caffè Interculturale

Concerto: “Coriste per caso e Piccoli Cantori” del 1° Circolo Didattico “Gaetano Arfè”

 

Sabato 8 settembre dalle ore 18.00:

Il Magister Nundinarum e la sua Coorte. Rievocazione antica usanza giuridica in costume medioevale. Corteo da Palazzo Torino.

Mettiamoci in gioco. Giochi di strada in piazza per tutti.

 

Ore 20.30: Cerimonia di Apertura della XXVIII edizione dei Giochi del Palio

Street-food e artisti di strada

 

Domenica 9 settembre dalle ore 17.30 :

Giochi del Palio, Sfida tra gli otto Rioni Storici di Somma

Musica e Balli con la “Paranza dell’Agro”

Street-food

 

Commenta