Riempiamo, prima dell’avvento della quaresima, il nostro palato e le nostre pupille di due dolci tipici carnevaleschi: chiacchiere e sanguinaccio!

Le chiacchiere, chiamate bugie a Torino e Genova o anche frappe a Roma, sono dolci di pasta sfoglia fritta e hanno origini molto antiche : le frictilia, infatti, erano dolci fritti serviti davanti ai templi romani durante il periodo dei Saturnali per omaggiare l’avvento della primavera e la conclusione del rigido inverno, attraverso l’utilizzo del lardo per inneggiare alla prosperità delle messi future. Il sanguinaccio, invece, è una crema di cioccolato a base di burro farina e cacao, il cui nome proviene dall’ultimo ingrediente misterioso e vietato dalle nostre tavole odierne (se non fresco): il sangue di maiale.

INGREDIENTI PER LE CHIACCHIERE:

  • Burro 50 gr
  • Vaniglia 1 bustina
  • Uova medie – 3 intere e 1 tuorlo
  • Lievito chimico in polvere 6 gr
  • Zucchero semolato 70 gr
  • Sale 1 pizzico
  • Farina 00 500 gr
  • Limone 2 pizzichi di buccia grattugiata
  • Olio di semi di arachide q.b. per friggere
  • Zucchero a velo q.b. per cospargere il tutto

PROCEDIMENTO:

Grattugiate la Scorza del limone. Versate in una ciotola, la farina, il lievito, lo zucchero e la scorza grattugiata. Aggiungete anche un pizzico di sale e disponete il tutto a fontana. Aggiungete quindi anche le uova, il burro a pezzetti morbido. Amalgamate bene tutti gli ingredienti fino ad ottenere  un impasto liscio e tagliate delle striscette a piacere, oppure con il tagliapasta apposito. Riempite una padella con olio di arachidi, fate riscaldare l’olio e poi friggete le Chiacchiere fatte in casa fino a quando non iniziano a gonfiarsi e diventano di un bel colore dorato.

INGREDIENTI PER IL SANGUINACCIO:

  • 2 scatole cacao amaro Perugina
  • 150 gr cioccolata fondente
  • 800 gr di zucchero
  • 40 g di farina 00
  • 75 gr di burro
  • 1 bustina di vanillina
  • ½ cucchiaino di cannella
  • 1 lt e ½ di latte
  • Canditi a piacere o gocce di cioccolato

PROCEDIMENTO:

In una ciotola setacciate la farina, unite il cacao in polvere, lo zucchero, la vaniglia e la cannella. Mescolate bene insieme tutti gli ingredienti. In un pentolino versate un litro e mezzo di latte, inserendo il misto di polvere di cioccolato.

Cuocete a fuoco lento, girando dolcemente con un mestolo di legno sempre nello stesso verso per evitare che si formino grumi di farina, mescolate finché la consistenza liquida si trasformerà in cremosa. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare, in seguito aggiungete canditi oppure scaglie di cioccolato a piacere.

2 pensieri riguardo “Chiacchiere e sanguinaccio, tradizione in tavola

Commenta