Un caffè che fa la storia nell’immaginario culturale, ma non in quello del servizio al tavolo

Solitamente quando vado al Gran Caffè Gambrinus prendo un caffè amaro in piedi, o un babà, o una qualsiasi cosa senza sedermi e dover pagare il costo aggiuntivo del servizio al tavolo. Siamo attorno ai 2€ aggiuntivi, e a voler andarci spesso è una bella spesa.
Sotto le feste però, probabilmente a causa dello spirito natalizio che alleggerisce il portafogli, io e il mio compagno abbiamo detto: ma sì, sediamoci all’aperto, cosa potrebbe succedere?
Purtroppo, e sottolineo purtroppo, non è stata una bellissima esperienza.

Niente da dire sulla qualità dei prodotti. Un caffè amaro e un caffè viennese, con liquore strega, non hanno deluso le nostre aspettative. In particolare il caffè viennese era stato preparato con panna e biscottino e alla sola vista era un’opera d’arte in sé.

Gambrinus

Prezzi relativamente alti, ma per un caffè storico-letterario mi aspettavo anche il doppio. Se non sbaglio a Venezia si arriva ai 6€ per un caffè. Il motivo? Il servizio al tavolo del cameriere. Ben giustificato, la livrea probabilmente ha un costo, se non fosse per: il cameriere.
Lasciamo stare la lunga attesa, ci può stare. Ma che il cameriere tiri fuori dalla giacca una mazzetta di soldi con banconote da 20€ e soprattutto da 50€ e si metta a contarli davanti a te è inconcepibile. Anche lasciando perdere l’educazione, qui si parla di buon senso: chiunque avrebbe potuto strapparglieli di mano e correre via. Eravamo nel cortiletto esterno, tra noi e la folla di via Toledo non c’era nemmeno mezzo metro.

Tuttavia non mi sento di denigrare Gambrinus. Il posto ha storia, fascino, cultura… gli interni rappresentano un lusso dimenticato, un’atmosfera culturale fin de siècle che fa innamorare. Oltre al babà con crema chantilly, quello da solo basta a creare un cliente affezionato.
È un collegamento fisico con i più grandi del passato, l’hanno frequentato Oscar Wilde, Ernest Hemngway e Jean Paul Sartre. I Savoia al loro rientro in Italia hanno scelto il Gran Caffè Gambrinus per il primo real caffè italiano.

Ci tornerò, la pasticceria del Gambrinus mi chiama, ma spero di non incontrare più il nostro caro amico amante dei soldi.

 

Gran Caffè Gambrinus

Dove: Piazza Trieste E Trento, 2, 80132 Napoli
Telefono081 417582
Sito

Terre di Campania è un progetto in continua evoluzione che si occupa di promuovere il buono e il bello della regione Campania attraverso la conoscenza e la diffusione di bellezze paesaggistiche e artistiche, di bontà culinarie, della cultura, di news, di eventi e azioni mirate sul territorio.

2 pensieri riguardo “Gran Caffè Gambrinus, il lusso di fin de siècle ai giorni nostri

Commenta