Alla scoperta di uno dei dolci più gustosi della tradizione carnevalesca

l migliaccio, il cui nome deriva dal miglio, da cui si ricavava la farina un tempo usata per numerose preparazioni e oggi sostituita con quella di granturco, è un dolce diffuso in diverse zone d’Italia; quello campano può essere paragonato ad una specie di polenta cotta al forno o semplicemente fritta, mangiata come dolce principale del martedì grasso.

INGREDIENTI

Dose per uno stampo da 26 cm di diametro
500 g. di latte
125 g. di acqua
3 uova
250 g. di ricotta
125 g. di semola
250 g. di zucchero
25 g. di strutto o burro
Un pizzico di sale
Una stecca di cannella
Un cucchiaino di strega
Una buccia d’arancia
Una bustina di vanillina

PREPARAZIONE

Per prima cosa occorre far bollire il latte con metà dello zucchero, il burro, la cannella, il sale e la buccia d’arancia. Dopo aver estratto quest’ultima si versa il semolino a pioggia e lo si lascia cuocer per circa dieci minuti, fino a quando il composto formerà una sottile crosta sulle pareti della pentola.

Occorre sbattere a parte le uova con il restante zucchero e la busta di vanillina, dopodiché aggiungerle al composto precedentemente preparato, insieme alla ricotta setacciata e alliquore Strega. Si versa con cura il tutto in uno stampo per torte, imburrato ed infarinato e lo si inforna a 175° per almeno 40 minuti. Quando è pronto si attende che si intiepidisca leggermente e lo si spolvera con zucchero a velo. Una gustosa alternativa consiste nel foderare lo stampo con della pasta frolla prima di versare il composto, in questo modo il migliaccio viene definito “in camicia”. La presentazione ideale è quella che lo vede servito con una salsa di cioccolato con cedro candito e un ciuffetto di ribes freschi, accompagnato, magari, da un buon bicchiere di passito.

Sergio Mario Ottaiano, classe ’93, Dottore in Lettere Moderne alla Facoltà di Lettere e Filosofia Federico II di Napoli. Musicista, giornalista, scrittore, Social Media Manager, Digital PR e Copywriter. Presidente del giornale Terre di Campania. Collabora per Music Coast To Coast, Fumettologica, BeQuietNight e MusicRaiser. Ha pubblicato svariati racconti e poesie in diverse antologie; pubblica con Genesi Editrice il romanzo dal titolo “Un’Ucronìa” Il 1/4/2014; pubblica con Rudis Edizione il saggio dal titolo “Che lingua parla il comics?” il 23/1/17.

Commenta