Dorian Gray: l’esclusività di San Giorgio a Cremano. Una birra al banco.

Birra, sempre lei. Non me ne vogliano i lettori, ma questo è un articolo che si può scrivere solo in prima persona.

Da quando ho cominciato ad appassionarmi, perché di passione si parla, alla birra buona, il mio modo di approcciare alla vita dei pub è cambiato. Il pub è il luogo per eccellenza di chi ama la birra, per gli altri, per coloro che invece non ne sono innamorati, il pub è un posto qualsiasi, un luogo uguale agli altri, nemmeno notano la differenza tra un pub e una pizzeria. Per me, e per noi che amiamo, è una seconda casa.

Più o meno un anno fa,  tra novembre e dicembre, nei miei pomeriggi da bighellone sangiorgese, mi trovo a passare fuori ad un pub che non avevo visto prima. La prima cosa che mi ha attratto è stato il nome: Dorian Gray . E’ un pub irlandese come l’autore del dandy in questione. La seconda cosa che mi ha spinto ad entrare era la voglia di bermi una bella pinta. La sera incombeva. Entro e mi siedo al banco: ed è qui che cambia tutto, è qui che c’è la scintilla, la luce che ha abbagliato San Paolo a Damasco. Sì, sedermi al banco è stata una rivelazione: lì si respira la vera anima del pub, si respira la sua più intima emanazione. Per me il bancone è uno stile di vita, è il luogo dove nascono storie, aneddoti e amicizie, ed è il luogo che vi voglio raccontare.

Il Dorian è aperto da più o meno un anno, come detto , ed è stato aperto in un posto in cui onestamente non ricordo cosa ci fosse prima. San Giorgio non è una piccolo paese, è un paese grande ed è anche uno dei più conosciuti dell’area vesuviana (Massimo Troisi docet), ed è frequentato anche dagli abitanti dei paesi limitrofi. Ma alla città mancava qualcosa. Le mancava, voglio essere “prutusino in ogni minestra” (l’articolo poi lo sto scrivendo in prima persona) un posto adatto a me. Avere un pub a San Giorgio a Cremano, avere il Dorian qui nel mio paese, per di più non distante da casa mia, è stato avere quel bancone. Quel bancone ti dà la possibilità di uscire, di evadere, ti offre la possibilità di uscire da solo, tanto solo non lo sarai, la serata li non sarà noiosa. Si incontreranno amici e clienti affezionati con cui chiacchierare, e bere birra insieme. Il banco ha dato la possibilità di star bene con se stessi.

Una birra non basterà, ce ne sono di buonissime, e sono tutte da assaggiare, alla spina: Augustus  (la mia preferita), Titanium 10, Dragoon, Jubiler, Spitfire, Mcewan’s,  Hy Cuvée, Weiss, Strong AleShepherd Neame, più una ventina di birre in bottiglia.

Ha reso San Giorgio unica. Ha battuto tutti i pub vesuviani, e in più si mangia benissimo. La verità è questa, basta farsi un giro tra i pub di Portici, Ercolano o San Sebastiano al Vesuvio, e capire cosa realmente si cerca in un pub, cosa manca in questi pub e cosa c’è qui, anche perché, questo bisogna dirlo e sottoscriverlo, i ragazzi del Dorian sono dei furboni fatti e finiti. Perché sono dei furboni? Cominciate ad andarci e lo scoprirete.

La serata comincia così.  Ci si vede li fuori verso le 21 e 30. Con loro, i soliti amici, oppure da soli. Ci si intrattiene un po’, prime sigarette, prime chiacchiere, li fuori è così, si è creato un “piccolo centro storico”, un’ originale piazza Bellini, carica di quell’ingenuità e di quella bellezza che alla suddetta piazza mancano purtroppo da anni. Poi si entra, ecco i primi saluti, e si gira a destra, posizione bancone e ci si siede sullo sgabello. Primo giro di pinte, stile barfly, loro sanno qual è la tua preferita: nel mio caso ti guardano e chiedono : “Augustus?”, e si annuisce. È la prima, ci si diverte. Una passione, stai lì con i tuoi amici, anche in silenzio, tanto c’è tutto. Il discorso è molto semplice: si sta bene e in confidenza.

Il Dorian lascerà il segno, diventerà un posto simbolo della cittadinanza (ma già lo è).  Lunedi 16 novembre 2015 il Dorian ha compiuto il primo anno di vita e a tutti quelli che hanno indossato un vestito elegante il locale ha offerto birra gratis e gadget. Quella è stata una grandissima dimostrazione di affetto. Ora la sua avventura continua. Bravi ragazzi, continuate, e poi stasera ci vediamo, come al solito si parte dall’Augustus.

 

Dorian Gray Public House

 

Dove: via San Giorgio Vecchio 92, San Giorgio a Cremano (Na),
Contatti: Tel. 081 5742327
Facebook: Dorian Gray Public House

 

 

Commenta