Grano Duro, una nuova realtà culinaria che unisce sapienti rivisitazioni e gli elementi migliori della tradizioni

Sapori di casa, atmosfera da grandi occasioni, accoglienza conviviale, Grano Duro. Una miscela di elementi della tradizione e di sapienti rivisitazioni, di curiose innovazioni e di radicate credenze culinarie, si incontrano nel nuovo ristorante-bistrò che sin da subito sta facendo parlare di sé nel territorio dell’Agro Nolano. Grano Duro, questo il nome del locale, è l’avvincente sfida di tre giovani soci, Francesco, Giuseppe e Rosario, che hanno scelto di lanciarsi in un’avventura gastronomica del tutto peculiare, che non mancherà di sorprendere e coinvolgere i palati che sceglieranno di viverla.

Primi piatti dal sapore di casa, carni pregiate cotte alla perfezione, antipasti e fritti stuzzicanti, uniti a proposte originali frutto di un’intelligente rivisitazione della semplicità del passato, come gli squisiti cuzzetielli napoletani, compongono un menù capace di incontrare il gusto di ognuno, senza per questo trascendere in una confusionaria banalità. Anzi. Ogni proposta culinaria è studiata per rispondere ai desideri più diversi, i quali, come in rari casi, possono trovare sintesi attorno ad un unico tavolo, accompagnati, tra l’altro, da una selezione di vini d’eccellenza.

Un menù per tutti i gusti, insomma, ma pensato per coloro che sanno apprezzare la qualità di ingredienti selezionati e l’appassionato studio che vi è nel loro impiego nelle varie ricette. Siano esse quelle di un classico spaghetto alla Nerano o di un tradizionale ragù, fino ad arrivare all’immancabile parmigiana (qui in versione tris a base di melanzane, zucchine e patate) e ai più sofisticati tagli di carne, senza dimenticare i dolci, che davvero fanno pensare ad una nonna collocata stabilmente in cucina, esse sapranno sorprendere e conquistare in un tripudio di gusto che è coronato dall’accoglienza gentile e discreta dei patron di casa e del loro staff. Bontà che si sposa alla bellezza, sapori da scoprire per un appuntamento col gusto da non perdere.


Commenta