A Cercola la società Passione & Tradizione presente il ristorante Amabile: tempio del gusto.

Amabile Cercola è una realtà eno-gastronomica di spessore rinata dalle sue ceneri, grazie al cambio di gestione che vede protagonista la società Passione & Tradizione, il 30 settembre 2015.

Sito in via Europa a Cercola, il ristorante Amabile Cercola è nuovissimo progetto gastronomico, che guarda all’attualità della ristorazione strizzando l’occhio alla tradizione. In squadra, a dar valore ad una realtà che si presenta, a prima vista, più che solida vi sono tre figure di grande prestigio nell’ambito culinario e gestionale: Bruno Aragno, food & beverage manager di più che consolidata esperienza, si associa a Marco de Cesare, cuoco formatosi alla scuola dei piatti più autentici della cucina tradizionale campana, e a Umberto Salvo, pizzaiolo che perpetua un’arte tramandata da più generazioni all’interno della storica famiglia napoletana.

Il locale si presenta elegante, con un’ampia sala, ma non dispersiva, e un congruo numero di tavoli a sedere, l’arredo è ben curato e le luci gialle e calde, miste ai colori legno e marrone chiaro della mobilia, infondono una piacevole sensazione di accoglienza e calore: atmosfera ideale soprattutto per le famiglie. In bella vista i due forni a legna per le pizze gestiti dall’abilità del maestro Umberto Salvo, che con la propria bravura e l’esperienza maturata negli anni, garantisce un’esperienza culinaria di prim’ordine. L’utilizzo esclusivo della Farina Caputo, la lievitazione della pasta che dura circa 24 ore, e l’osservanza religiosa delle regole per la preparazione della vera pizza verace napoletana, permettono la creazione di pizze gustose, morbide e saporite, farcite con stuzzicanti ingredienti che spaziano dalla semplicità della marinara alla complessità della pizza battezzata E MO BAST’, con bianchetti, provola di Agerola, scaglie di Provolone del Monaco assaggiata dal sottoscritto: una leccornia ben calibrata. Buonissima anche la nuova pizza al Ragù, un esperimento gourmet ben riuscito.

Accanto alla bontà delle pizze ci sono i piatti preparati dallo Chef di fama nazionale Marco De Cesare e dalla sua Equipe, vere e proprie bontà culinarie, leggere e saporite, che ripropongono la cucina tradizionale con un tocco d’innovazione, interpretando i prodotti tipici della cucina Campania secondo le nuove suggestioni della buona tavola. L’obiettivo è innovare ma senza stravolgere la materia prima.

Buono e leggero ‘O Panariello, cestino di fritture saporite e per niente unte, e delizioso il Tagliere del Montanaro, realizzato con salumi e formaggi di qualità. Tra i primi piatti si distinguono il Pacchero all’amalfitana e le Linguine all’astice: piatti appartenenti alla tradizione di mare preparati con ingredienti freschissimi. Tra i secondi suggerisco l’Angus Argentino e l’Hamburger di Chianina, specialità selezionate con cura e attenzione.

Tra i vini la scelta cade tra un Falerno bianco del Massico di Cantina Collefasani e un Falerno di Pimitivo.

Amabile Cercola è un locale che punta in alto, mirando a diventare punto di riferimento per quanti vedono nel cibo un’esperienza di gusto. La profonda cultura enogastronomica dei suoi collaboratori, la selezione accurata di materie prime, dal territorio campano e meridionale in generale, preparazioni attentamente elaborate, presentazioni originali e ben curate, anche con accostamenti di profumi e sapori inediti, ma sempre intonati, è prova che la strada perseguita è quella giusta per raggiungere gli obiettivi prefissi.

Sergio Mario Ottaiano, classe '93, Dottore in Lettere Moderne alla Facoltà di Lettere e Filosofia Federico II di Napoli. Musicista, giornalista, scrittore, Social Media Manager, Digital PR e Copywriter. Presidente del giornale Terre di Campania. Collabora per Music Coast To Coast, Fumettologica, BeQuietNight e MusicRaiser. Ha pubblicato svariati racconti e poesie in diverse antologie; pubblica con Genesi Editrice il romanzo dal titolo "Un'Ucronìa" Il 1/4/2014; pubblica con Rudis Edizione il saggio dal titolo "Che lingua parla il comics?" il 23/1/17.

Commenta