Una delle specialità della produzione vitivinicola campana: il Taurasi

Il Taurasi è un vino che trova le sue origini nell’età preromanica: il vitigno principale da cui si produce questo vino, l’Aglianico, era un tempo detto “hellenico” a sottolineare l’origine greca.

Questo vitigno, si trova in quasi tutta l’Italia meridionale, ma da’ vini molto differenti a seconda dei luoghi dove viene coltivato.

In Campania trova uno dei suoi habitat migliori, dove produce un grappolo di media grandezza, di forma cilindro-conica, con acino tondo e di colore blu. L’etimologia del nome “Taurasi” è da ricercare in Taurasia, il piccolo borgo che i romani fecero loro dopo aver sconfitto gli Irpini ne corso della III Guerra Punica. Oggi la cittadina di Taurasi, dominata da un antico castello longobardo, ampliato dai normanni, e’ il centro della produzione dell’omonimo vino rosso, le cui prime testimonianze storiche risalgono a Tito Livio che parlava di “vigne optime”.

Esistono, poi, diverse altre citazioni storiche riferite all’Aglianico in generale e al Taurasi in particolare: alla fine del XVI secolo Andrea Bacci, medico del Papa Paolo III, scrisse che questo vino

“viene preparato con uve piuttosto secche, reso vigoroso dal rovere e conservato in ottimi vasi; risulta pertanto profumato e sapido, gradevole al gusto, piacevolissimo e stabile, di elevato potere nutritivo, corroborante per lo stomaco e le membra più che aperitivo”.

Il Taurasi si presenta come un vino dal colore rubino intenso e brillante, tendente al granato fino ad acquistare riflessi aranciati con l’invecchiamento e dall’odore pronunciato, ampio, gradevole più o meno intenso. Ha un sapore asciutto, austero, tannico da giovane, pieno, armonico, equilibrato quando maturo, con retrogusto persistente, ottimo per accompagnare, servito ad una temperatura di 16-18° C, piatti dotati di buon spessore aromatico: primi piatti al sugo di carne, selvaggina da piuma in casseruola, carni rosse arrosto, formaggi a pasta dura stagionati.

Un pensiero riguardo “Il Taurasi, un vino antico e famoso

Commenta